Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 903
RAGUSA - 06/01/2016
Cronache - Il rogo originato dal cortocircuito di una vecchia coperta elettrica

Fiamme dalla coperta elettrica in casa

La casa non è stata dichiarata inagibile dai pompieri che hanno spento le fiamme Foto Corrierediragusa.it

Tanta paura ma nessun danno fisico per una anziana pensionata 83enne di Ragusa e per un 40enne soccorsi in piena notte stato di shock dalla sezione volanti della polizia. Gli agenti hanno portato fuori dall’appartamento l’anziana e l’uomo semi svenuti a causa dell’intenso fumo delle fiamme poi spente dai vigili del fuoco. Il coraggioso 40enne, vicino di casa della donna, aveva udito le grida di quest’ultima, che aveva trovato scampo nel balcone. L’uomo era riuscito ad entrare nell’appartamento ma era rimasto a sua volta semi soffocato dal denso fumo. Per fortuna sono intervenute due volanti che transitavano in zona. Gli agenti, con gli estintori in dotazione alla mano, sono quindi entrati nell’abitazione, soccorrendo i due malcapitati prima che fosse troppo tardi. E’ stata insomma una nottata davvero movimentata quella dell’Epifania per i residenti della via G.B. Odierna. Era da poco trascorsa la mezzanotte quando i vicini, tra cui quello coraggioso che ha tentato il soccorso in solitaria, hanno udito le grida disperate dell’anziana, scorgendo altresì il bagliore delle fiamme. I pompieri hanno dovuto lavorare per circa un’ora prima di avere ragione del fuoco, che ha danneggiato parte delle suppellettili della camera da letto, annerendo le pareti.

Le fiamme si erano originate dal cortocircuito di una vecchia coperta elettrica usata dalla donna per scaldarsi. Proprio quest’ultima, vedendo le scintille e sentendo la puzza di bruciato aveva subito abbandonato la stanza, raggiungendo il balcone in preda al panico mentre dalla coperta divampavano le prime lingue di fuoco. Per fortuna la prontezza di spirito del vicino di casa ed il tempestivo intervento della polizia e dei vigili del fuoco hanno scongiurato il peggio. L’abitazione non è stata dichiarata inagibile. L’anziana donna ed il 40enne se la sono cavata rispettivamente con 8 e 5 giorni di prognosi dopo le cure prestate al pronto soccorso dove si sono recati pure i poliziotti a causa del fumo inalato nel corso dell’intervento di soccorso.