Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 591
RAGUSA - 26/12/2015
Cronache - L’allarme lanciato dal consigliere comunale Chiavola

Furto in casa la vigilia di Natale

Nonostante il monitoraggio costante e frequente da parte dei carabinieri Foto Corrierediragusa.it

Tornare a casa dopo aver festeggiato il Natale con i parenti e trovare la casa sottosopra per la sgradita "visita" dei ladri. Torna l’allarme sicurezza a San Giacomo Bellocozzo, frazione di Ragusa. A lanciarlo è il consigliere comunale Mario Chiavola. «A distanza di un anno esatto – dice – da quando era stata perpetuata una vile aggressione ai danni di due anziani, stavolta, durante la vigilia di Natale, una famiglia che risiede nella frazione rurale, dopo essere rientrata nella propria abitazione avendo trascorso la serata altrove con i familiari, ha trovato la casa a soqquadro oltre che svaligiata a opera dei soliti ignoti. Ovviamente paura e avvilimento l’hanno fatta da padrone. Al di là di tutto ciò, nonostante il monitoraggio costante e frequente da parte dei carabinieri della stazione di Ibla che approfitto per ringraziare sempre per la loro costante presenza e operatività, sarebbe opportuno attivare l’installazione di telecamere di sorveglianza negli incroci principali della frazione. Si tratta di una promessa che il sindaco aveva fatto, un anno fa, ai residenti di San Giacomo e adesso vogliamo sperare che non si debbano attendere le calende greche prima che questi dispositivi possano essere effettivamente attivati. Nessuna intenzione di fare polemica a fronte di una vicenda del genere. Ma c’è la necessità di dare delle risposte importanti alla gente che risiede e lavora nella frazione di San Giacomo. E, per quanto riguarda questo aspetto specifico - conclude Chiavola - lo può fare solo l’amministrazione comunale».