Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1151
RAGUSA - 04/12/2015
Cronache - Manette per un 55enne originario di Palermo

Estorceva soldi ad un sacerdote di Ragusa

Il prelato era terrorizzato dall’uomo, ora rinchiuso in carcere Foto Corrierediragusa.it

Un palermitano già noto per vari reati non si era fatto scrupolo di minacciare persino un sacerdote con una pistola per farsi consegnare 700 euro al mese dopo i primi aiuti economici concessi dal prelato. Un incubo per l’uomo di chiesa, che, terrorizzato dalle continue minacce, ha denunciato tutto ai carabinieri. E così sono scattate le manette per estorsione aggravata ai polsi del 55enne originario di Palermo Orazio Maugeri (foto). Era stato un maresciallo dei carabinieri di Ragusa Ibla e raccogliere la denuncia del sacerdote di una parrocchia della diocesi di Ragusa. Il religioso era molto preoccupato poiché da diversi mesi era letteralmente taglieggiato da Maugeri. All’inizio il malvivente gli aveva chiesto qualche soldo rappresentando il proprio stato di bisogno e il parroco gli aveva dato già diverse decine di euro per aiutarlo. Poi l’uomo, capito che poteva sfruttare la situazione e approfittare del buon cuore del prelato, ha continuato con insistenti richieste di denaro dicendo al parroco che, se non gli avesse dato soldi, avrebbe derubato o rapinato qualcuno, ovvero che avrebbe fatto danni. Diverse volte l’uomo, alzando la maglia, gli avrebbe anche mostrato il calcio di una pistola infilata nei pantaloni.

Il sacerdote quindi non ha più potuto sopportare tali pressioni psicologiche e, terrorizzato, ha cercato aiuto dai carabinieri. I militari, conoscendo bene l’estorsore, hanno deciso subito di mettere il sospetto sotto stretta sorveglianza e, vestiti i panni di normali turisti con fotocamera, hanno iniziato a pedinarlo. E così, uscito di casa, l’indagato si è recato dal sacerdote per minacciarlo, come hanno potuto accertare i militari appostati. In pochi secondi l´uomo è stato bloccato e perquisito. Addosso aveva una banconota da 50 euro e un coltello a serramanico. Ora Maugeri si trova rinchiuso nel carcere di Ragusa. In casa sua i carabinieri hanno anche trovato la pistola che la vittima aveva descritto, una scacciacani semiautomatica che per funzionamento, forma e peso, è identica alla Beretta 92 in uso ai carabinieri e alle altre forze dell’ordine e forze armate. Dalle indagini è emerso che Maugeri è arrivato a chiedere al parroco anche più di 700 euro al mese dalla scorsa estate.