Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 855
RAGUSA - 18/11/2015
Cronache - Base operativa era ad Acate: 13 persone denunciate

I "Predator" di scuole e cantieri edili

Il gruppo avrebbe agito anche su commissione da parte di ricettatori Foto Corrierediragusa.it

Era una autentica banda di "predatori" specializzata nei furti in istituti scolatici e cantieri edili. I carabinieri, nell´ambito dell´operazione non a caso denominata "Predator", hanno arrestato i componenti che avevano collezionato numerosi colpi per un bottino di oltre 50 mila euro. Gli arrestati, in esecuzione del provvedimento emesso dal gip di Ragusa Claudio Maggioni, sono Gaetano Velardita, di 26 anni, condotto in carcere; un suo omonimo, di 20 anni, posto ai domiciliari così come Mario Procida, 28 anni, e Salvatrice Trubia, di 26 (foto). Altre 13 persone sono state denunciate per ricettazione, comprese le ultime 3 scovate nelle ultime ore: si tratta di un 29enne e un 30enne di entrambi insospettabili di Mazzarrone, nel Catanese, e di un vittoriese di 29 anni sottoposto all´obbligo di presentazione periodica alla polizia giudiziaria.

Sono 12 i furti contestati alla banda, che, come accennato, si prefiggeva come obiettivi cantieri edili, pubblici e privati, e istituti scolastici. I militari dell´arma hanno recuperato la quasi totalità della refurtiva sottratta, costituita da moderna attrezzatura informatica e tecnologica quali computer fissi e portatili con le relative custodie, videoproiettori, cavi e monitor utilizzati dagli studenti per le lezioni multimediali in aula.

E poi ancora utensili e materiale vario per l´edilizia: trapani, seghe, attrezzi vari, piastrelle, cemento e colla. Il gruppo avrebbe agito anche su commissione da parte di ricettatori. La base logistica del gruppo era Acate: nelle abitazioni degli arrestati, o in case rurali abbandonate ed occupate dagli indagati che le utilizzavano come improvvisati magazzini, era nascosta la merce rubata in attesa di essere smerciata. La refurtiva veniva indicata con nomi in codice quali caffè, pizza o bottiglia.