Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:11 - Lettori online 1791
RAGUSA - 13/11/2015
Cronache - Lo rende noto Legambiente

Sequestrate 5 villette nel "Paesaggio di Montalbano"

Gli immobili sequestrati erano intestati anche a proprietari maltesi Foto Corrierediragusa.it

La magistratura iblea ha disposto il sequestro di cinque villette rustiche sulla strada tra San Giacomo e Giarratana, intestate anche a cittadini maltesi. Lo comunica Legambiente, che si era intestata la battaglia, precisando che "Si tratta di una delle concessioni edilizie palesemente illegittime (così come già evidenziato dalla Regione siciliana con il D.D.G. n. 5 del 23/01/2015) rilasciate durante la sindacatura Dipasquale, assolutamente devastante per l´ambiente. In pratica si stava trasformando il "paesaggio di Montalbano" delle campagne ragusane in una vera e propria "villettopoli". In ciò il comune era affiancato dalla Soprintendenza di Ragusa che, evidentemente in modo illegittimo, dava pareri positivi non conformi all’art. 42 del Piano paesaggistico, come per l´altro già sentenziato dal Tar di Catania". Su questo progetto, che voleva trasformare i terreni agricoli in zone edificabili, con lo scopo di valorizzare il "paesaggio di Montalbano" ma con l´evidente conseguenza di distruggerlo, Legambiente nella primavera del 2012 aveva presentato un esposto alla magistratura e denunciato tutto pubblicamente. Per tutto ciò l´associazione ambientalista iblea era stata duramente attaccata dai politici del tempo e dai loro sostenitori, "E poi addirittura minacciata - scrivono gli ambientalisti - tanto da costringere il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza a disporre forme di protezione ad un suo dirigente.

Ora, ad oltre tre anni di distanza, la verità è venuta fuori dando finalmente ancora una volta ragione a Legambiente, la quale auspica che si vada fino in fondo - conclude la nota - per controllare far emergere e ripulire dall´illegalità la gestione del territorio e dell´ambiente".