Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 696
RAGUSA - 18/09/2015
Cronache - I carabinieri hanno scoperto l’illecito in contrada Passo Marinaro

Necropoli del V secolo a.C. distrutte da un escavatore

I lavori di sbancamento, che avevano già prodotto ingenti danni, sono stati subito bloccati Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri hanno denunciato 2 persone, A.L. di Ragusa e S.B. di Comiso, in quanto hanno accertato che stavano compiendo dei lavori di sbancamento non autorizzati in un’area sottoposta vincolo archeologico e paesaggistico (foto). I militari erano stati allertati da un cittadino che, nel transitare in contrada Passo Marinaro dell’agro del comune di Ragusa, aveva notato un escavatore intento a effettuare dei lavori di sbancamento in un terreno, chiedendo di effettuare un controllo circa la regolarità di tali lavori. I militari quindi hanno identificato sia il conducente dell’escavatore e sia il proprietario del terreno, che risultava di proprietà privata, ma inserito in zona nota per essere sottoposta a vincolo archeologico e paesaggistico, in quanto interessata alla presenza della necropoli classica di Camarina, meglio nota come necropoli di Passo Marinaro, che tuttora conserva resti monumentali con tombe a fossa e ad inumazione e tombe a sarcofago «litico» e «fittile», che rappresentano una delle più importanti testimonianze storico- archeologiche dei riti e delle architetture funerarie di una civiltà siciliota vissuta nell’area intorno al V secolo a.C.

Infatti, nell’effettuare il controllo, i militari hanno notato vari resti delle tombe facenti parte della necropoli, che erano sparsi sul terreno, poiché erano già stati danneggiati dai lavori di sbancamento effettuati. Per tale motivo è stato anche richiesto l’ausilio del nucleo carabinieri tutela patrimonio culturale, ossia dello speciale reparto dell’Arma che si occupa di tutelare da attività illecite le bellezze archeologiche e paesaggistiche di tutta l’Italia, i cui militari hanno confermato che l’area in cui si stavano effettuando i lavori di sbancamento, anche se privata, era tutelata da un vincolo archeologico e paesaggistico fin dagli anni ’70.

Nello specifico la stessa area, nel vigente piano paesaggistico della provincia di Ragusa, è inserita nel livello di tutela 3°, ovvero che nell’area è preclusa ogni tipo di attività e né può essere rilasciata alcuna autorizzazione amministrativa per eseguire lavori. Invece i militari hanno accertato non solo che i lavori, tra l’altro effettuati con un mezzo cingolato di enormi dimensioni, avevano irrimediabilmente danneggiato alcune tombe, poiché le grandi tegole di età greca che le ricoprivano erano state divelte e rotte in più pezzi, ma vi era anche la presenza di paletti collegati tra loro da strisce di platica, in maniera tale da delimitare l’area, verosimilmente al fine di realizzare addirittura una strada che attraversava il terreno in questione.

Per tale motivo i lavori nell’area sono stati immediatamente interrotti e, mediante la soprintendenza ai beni archeologici di Ragusa, è stata notificata al proprietario A.L. un provvedimento di fermo di lavori, mentre sia quest’ultimo che A.B., conducente dell’escavatore, sono stati denunciati all’autorità giudiziaria in stato di libertà per i reati di danneggiamento al patrimonio archeologico, storico e artistico nazionale, ed esecuzione di opere in assenza di autorizzazione.