Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 621
RAGUSA - 29/08/2015
Cronache - Il capo della banda nascondeva il denaro in una grotta naturale tra gli scogli

VIDEO Pusher arrestati da poliziotti in costume

Tra gli acquirenti di droga anche numerosi minorenni Foto Corrierediragusa.it

Stessa spiaggia ma non stesso spaccio di droga per la prossima estate. Gli assuntori di hashish, tra cui purtroppo parecchi minorenni, che reperivano lo stupefacente addirittura sulla scogliera di Punta Braccetto, tra un tuffo e una nuotata nell’azzurro mare di Montalbano, dovranno cercarsi altri pusher (vedere video).



I cinque delinquenti che rifornivano da tempo gli assuntori di droga sono difatti stati arrestati dai poliziotti, per l’occasione in costume da bagno ed infradito. Gli agenti si sono difatti mimetizzati tra i bagnanti per non dare nell’occhio e sorprendere i 5 tunisini tra i 37 e i 20 anni che avevano fatto della spiaggia il loro posto di spaccio. Un continuo viavai che non era sfuggito ai residenti, che, dopo aver chiamato il 113, hanno messo a disposizione pure le loro case per consentire ai poliziotti di appostarsi sui tetti e riprendere con i telefonini i movimenti degli spacciatori, scambiandosi le informazioni su whatsapp. Il capo della banda di pusher nascondeva il denaro delle smercio di droga in sacchetti di cellophane che venivano nascosti nella fessure di una piccola grotta naturale tra gli scogli. Non mancavano neppure le vedette, di cui una in costume da bagno, che segnalavano i clienti in arrivo ai complici che dovevano consegnare le dosi. Quando i poliziotti si sono rivelati, per i pusher non c’è stato nulla da fare. Solo uno di loro ha tentato una improbabile fuga via mare, gettando in acqua le dosi. Ma la breve nuotata a vigorose bracciate non è bastata ad evitargli le manette. I 5 arrestati erano già noti per precedenti di droga e saranno presto espulsi dal territorio italiano e rimpatriati in Tunisia. Gli spacciatori usavano un anfratto della scogliera iblea per attendere gli acquirenti. Centinaia di bottiglie di vetro di birra ed altri alcolici sono state rinvenute tra gli scogli, "scolate" dagli spacciatori durante l´attesa dei clienti. Un autentico mondezzaio che, grazie alla collaborazione con il comune di Ragusa, è stato eliminato con un’opera di pulizia straordinaria.

La polizia di Stato ha così restituito ai cittadini che avevano segnalato i fatti illeciti una parte di costa bellissima, che era stata deturpata e resa pericolosa dagli spacciatori. Droga e denaro sono stati sequestrati mentre altre 7 persone sono state denunciate come assuntori. Tra i clienti dei pusher da spiaggia, come accennato, c’erano anche diversi minori tra i 14 e i 17 anni.