Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1404
RAGUSA - 19/08/2015
Cronache - A chiamare il 113 era stato un amico dell’aspirante suicida

Sventato suicidio da Ragusa a Bologna

Forse lla base del tentato gesto una presunta lite con la fidanzata Foto Corrierediragusa.it

La sinergia tra sala operativa della questura di Ragusa con i colleghi di Bologna ha scongiurato un suicidio in quest’ultima città. Tutto è iniziato quando un uomo residente a Ragusa ha chiamato il 113 per manifestare la preoccupazione che un suo amico di Bologna sentito poco prima al telefono potesse compiere una sciocchezza, dal momento che era piuttosto depresso. Subito i poliziotti di Ragusa hanno allertato i colleghi di Bologna che hanno a loro volta individuato l’appartamento della presunta vittima, che stava per impiccarsi con una corda al collo. Il tempestivo intervento ha scongiurato il fatale gesto: sarebbero bastati pochi minuti in più affinché la tragedia si compisse. L´uomo, già semi soffocato ma non in maniera grave, è stato subito trasportato all´ospedale "Maggiore" del capoluogo romagnolo dagli stessi poliziotti. Dalle indagini svolte è emerso che il giovane, un 30enne di Bologna, pare volesse farla finita a causa dell’ennesimo litigio con la fidanzata.

L’aspirante suicida si era sentito poco prima al telefono con l’amico di Ragusa, che, intuito quanto potesse accadere, ha subito chiamato il 113 salvando di fatto la vita al 30enne.