Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 662
RAGUSA - 24/07/2015
Cronache - Coinvolte anche le province di Milano, Torino, Perugia, Ancona e Brescia

Body building "sporco" anche a Ragusa

I provvedimenti rappresentano gli sviluppi di un’indagine avviata nel 2013 e conclusa a settembre con il sequestro di 5 mila pasticche e 2 mila fiale di medicinali ad azione anabolizzante Foto Corrierediragusa.it

Un arresto ai domiciliari, un obbligo di dimora e 26 perquisizioni tra le province di Milano, Torino, Perugia, Ancona, Brescia e Ragusa sono stati eseguiti dai carabinieri nei confronti di atleti, farmacisti, infermieri, personal trainer e gestori di palestre indagati per compravendita illegale e cessione di farmaci anabolizzanti e stupefacenti. Sono questi in sintesi i numeri dell´operazione denominata "Big Bull" che ha portato al sequestro di un migliaio di compresse e di 300 fiale di farmaci ad azione dopante da parte dei carabinieri del Nas di Perugia. Disposti gli arresti domiciliari per un body builder perugino di 35 anni ritenuto uno dei canali di approvvigionamento. Obbligo di dimora invece, a Torino, per la sua compagna. I carabinieri, come accennato, hanno quindi eseguito 26 perquisizioni nei confronti di frequentatori di palestre, modelli e personal trainer (per la maggior parte umbri anche se residenti in altre zone d´Italia) tutti indagati per compravendita illegale e cessione di farmaci anabolizzanti e stupefacenti nonché per ricettazione. L´operazione ha interessato le province di Milano, Torino, Perugia, Ancona, Brescia e Ragusa.

I provvedimenti rappresentano gli sviluppi di un´indagine avviata nel 2013 e conclusa a settembre con il sequestro di 5 mila pasticche e 2 mila fiale di medicinali ad azione anabolizzante. Secondo gli investigatori del sodalizio facevano parte quattro tra preparatori e body builder dediti al traffico clandestino di anabolizzanti. Esaminando i documenti acquisiti in quella fase, i tabulati telefonici e anche i contatti via WhatsApp i carabinieri del Nas hanno ampliato l´indagine. Il body builder finito ai domiciliari (per esercizio della professione medica, falso e violazione della normativa antidoping) era stato tra l´altro indagato nel precedente troncone. Tra i farmaci sequestrati figurano i prodotti più diversi, come steroidi, anabolizzanti, ormone della crescita e cortisone. La merce veniva reperita tramite farmacie, alcune risultate compiacenti, e su internet. Tra le confezioni sequestrate alcune sono risultate provenire da Inghilterra, Grecia, India e Moldavia.