Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 837
RAGUSA - 22/07/2008
Cronache - Ragusa - Operazione della Guardia di Finanza

Maxi evasione di 4mln e mezzo di euro, 3 persone denunciate

Iva non dichiarata per circa 2 milioni di euro Foto Corrierediragusa.it

Un maxi evasione fiscale di 4milioni e mezzo di euro è stata scoperta dal comando provinciale della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle, al termine di lunghe indagini fiscali, hanno scoperto una impresa operante nel settore edile, completamente sconosciuta al fisco, che nel periodo 2001 -2007 ha omesso di dichiarare redditi imponibili per, come accennato, 4milioni e mezzo di euro ed iva per quasi 2 milioni di euro.

Denunciate tre persone: due in qualità di amministratori della società edile ed uno come amministratore di fatto in quanto, pur non rivestendo alcuna carica ufficiale all’interno della ditta, in realtà reggeva le fila di questa colossale strategia di evasione. I responsabili dovranno rispondere dei reati previsti dal D.L. 74/2000, che disciplina i reati in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto.

In particolare le denunce sono scattate per i reati previsti dall’art. 5 che punisce con la reclusione da uno a tre anni chiunque non presenta le prescritte dichiarazioni dei redditi, quando l’imposta evasa è superiore, con riferimento ad un singolo anno d’imposta, a 77mila 468 euro e dall’art. 10 che punisce con la reclusione da sei mesi a cinque anni chi distrugge o occulta le scritture contabili previste dalla legge.

Inoltre, in virtù dell’importante novità recata dalla legge finanziaria 2008, che ha esteso ai reati tributari l’applicazione della confisca per equivalente, i responsabili rischiano il sequestro del denaro e dei beni per un ammontare corrispondente a quello delle imposte evase.