Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 987
RAGUSA - 02/07/2015
Cronache - La procura ha aperto un’inchiesta dopo la denuncia degli affranti genitori

Neonato muore all´ospedale "Maria Paternò Arezzo" di Ragusa dopo somministrazione di un vaccino. 12 indagati

L’ennesimo, presunto caso di malasanità Foto Corrierediragusa.it

E’ possibile che un neonato di appena 2 mesi muoia in ospedale subito dopo la somministrazione di un vaccino obbligatorio? Purtroppo sì, come testimonia l’assurda e inaccettabile tragedia verificatasi sabato scorso (ma la notizia è stata resa nota solo in queste ore) al «Maria Paternò Arezzo» di Ragusa (foto) e che lascerebbe presagire l’ennesimo, presunto caso di malasanità. Sono 12 i nomi dei medici, del personale medico e paramedico e dell’Asp 7 iscritti nel registro degli indagati nell’inchiesta avviata dalla procura di Ragusa, coordinata dal sostituto Valentina Botti e condotta dai carabinieri, che hanno sequestrato la cartella clinica. L´ipotesi di reato prospettabile è di omicidio colposo. Nelle prossime ore si attendono risposte certe dall’autopsia disposta sul corpicino della vittima per accertare le cause di una morte così assurda.

Erano stati i giovani genitori, storditi dal dolore, a presentare denuncia. Pare che un’indagine parallela interna sia stata disposta anche dall’Asp 7, che, in una nota, precisa che il neonato era giunto al pronto soccorso venerdì notte già in condizioni critiche. Era dunque stato disposto l´immediato ricovero nel reparto di neonatologia dopo tutte le cure del caso. "All’atto del ricovero - si legge nella nota dell´Asp 7 - il piccolo presentava condizioni gravi, con diagnosi precedente di «malformazione cardiaca congenita». Approntate immediatamente le cure del caso, il bambino era stato trasferito nella divisione di neonatologia e Utin (Unità Terapia Intensiva Neonatale) e, nonostante le cure costantemente prestate - chiude la nota - alle 6.45 di sabato scorso si è registrato il decesso del neonato". Il piccolo era nato prematuro lo scorso aprile.