Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 802
RAGUSA - 19/06/2015
Cronache - La finanza ha denunciato l’uomo per bancarotta fraudolenta continuata

Cooperativa fallita: indagato ex amministratore

L’indagato si è reso responsabile dell’occultamento e della distruzione di libri e scritture contabili Foto Corrierediragusa.it

Avviso di garanzia per l’amministratore di una cooperativa di Ragusa andata in fallimento a causa dei suoi continui prelievi effettuati per motivi personali. Dopo due anni di indagini la finanza ha denunciato per bancarotta fraudolenta continuata un ispicese, amministratore della «Ncs Nuova Cooperativa Sociale» che aveva sede a Ragusa e, come accennato, oramai fallita. La cooperativa ragusana, nata con lo scopo fornire assistenza sociale residenziale, svolgeva anche attività di natura commerciale intrattenendo rapporti sia con enti pubblici che privati. Tra le varie attività, si occupava di organizzare corsi di lingua inglese, corsi di informatica, ma anche di dare assistenza a persone disagiate. Le indagini, dirette in un primo momento a verificare la regolarità di alcuni progetti, hanno portato successivamente a scoprire gravi violazioni. Dalle movimentazioni bancarie dei conti correnti della cooperativa le fiamme gialle hanno accertato che l’amministratore, nel corso degli anni, aveva effettuato parecchi prelievi personali di denaro non giustificati, sia in contanti che tramite titoli di credito, per una somma complessiva di quasi 480mila euro e portando la cooperativa, di fatto, al fallimento.

L’uomo, stando alle indagini, si è reso responsabile anche dell’occultamento e della distruzione di alcuni libri e scritture contabili con i quali ha creato non poche difficoltà alla ricostruzione del patrimonio e del movimento d’affari, oltre ad aver procurato grave danno ai creditori. All’amministratore è stata dunque contestata pure l’aggravante di aver cagionato un danno patrimoniale ingente, considerate le passività non inferiori a un milione 250 mila euro.


20/06/2015 | 12.06.02
Sergio Alfano

soddisfate una mia curiosita`, per favore!
perche` ogni qualvolta viene arrestato il poveraccio ladro di galline che ruba per mangiare viene sbattuto con tanto di foto sui notiziari ed additato alla pubblica gogna, mentre in casi di gravi reati finanziari commessi da colletti bianchi o giu` di li si tace sulle generalita`? C´e` qualcosa che mi sfugge riguardo leggi e regolamenti o altro?
grazie in anticipo