Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 974
RAGUSA - 03/06/2015
Cronache - E’ accusato di truffa ai danni dell’ente di previdenza

Truffa: ex dipendente Inps a giudizio

L’imputato deve rispondere pure di occultamento di prove durante l’esercizio delle sue mansioni, di soppressione e distruzione di atti veri, tutti reati contestati con l’aggravante, e di falsità in scrittura privata Foto Corrierediragusa.it

E’ stato rinviato a giudizio l’ex dipendente dell’Inps Antonio Cipria, accusato di truffa ai danni dell’Istituto, di occultamento di prove durante l’esercizio delle sue mansioni, di soppressione e distruzione di atti veri, tutti reati contestati con l’aggravante, e di falsità in scrittura privata nel momento in cui aprì un conto corrente bancario intestato a un’altra persona sul quale fare transitare circa 100 mila euro. Il fatto si verificò nel 2011 e venne scoperto dalla Direzione regionale dell’Inps. Cipria venne licenziato in tronco. I funzionari regionali controllando i procedimenti registrati nella rete telematica dell’Istituto, notarono un assiduo movimento di somme destinate ad eredi di persone decedute che non avevano riscosso i ratei maturati, sempre agli stessi beneficiari prestanome. Scattò l’indagine interna, il licenziamento in tronco del dipendente e le successive indagini della Guardia di finanza di Ragusa. Quattro anni dopo l’ex funzionario dell’Inps, difeso dall’avvocato d’ufficio Angelo Curciullo, è stato rinviato a giudizio e dovrà comparire nell’udienza monocratica del 4 aprile 2016.

Davanti al gip Maggioni l’avvocato dell’Inps Manlio Galeano si è costituito parte civile per l’Istituto previdenziale di via Leondardo da Vinci. La somma di denaro che l’ex dipendente avrebbe fatto transitare sul conto corrente intestato ai prestanomi ammonterebbe a circa 100 mila euro. L’imputato ha ricevuto già la notifica dalla Corte dei Conti che sta agendo separatamente per recuperare la somma indebitamente sottratta alle casse dell’Istituto.

Nella foto la sede Inps di Ragusa