Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1126
RAGUSA - 20/04/2015
Cronache - Denunciato anche un rumeno per un altro furto in un centro commerciale

Denunciato modicano 40enne per furto

In tutti e due i casi gli agenti hanno denunciato per furto aggravato i responsabili restituendo il maltolto ai rispettivi proprietari Foto Corrierediragusa.it

Due denunce della polizia per altrettanti furti al centro commerciale. Si tratta di due distinti colpi ad altrettanti centri commerciali seguiti dall’immediato intervento e denuncia dei responsabili da parte delle volanti. Si è concluso così un weekend che ha visto gli uomini dell’ufficio prevenzione generale impegnati soprattutto sul fronte del contrasto ai reati di tipo predatorio. Il primo intervento domenica pomeriggio in un noto centro commerciale di utensili per il bricolage. A segnalare la persona sospetta anche in questo caso il personale di vigilanza interna che ha sorpreso un uomo il quale,dopo aver divelto una confezione contenente un sistema elettrico ad ultrasuoni, del valore di 40 euro, lo aveva nascosto sotto la giacca, liberandosi del contenitore per evitare il sistema antitaccheggio. Superate le casse il ladro, un modicano 40enne, è stato sottoposto a controllo.

Il secondo intervento sabato mattina quando su allerta del personale di vigilanza gli agenti si sono recati al centro commerciale «Le Masserie» per la segnalazione di un ladro in fuga. Subito gli uomini, diretti dal commissario capo Filiberto Fracchiolla, con la collaborazione di alcuni cittadini,hanno individuato e fermato T. A. M., rumeno di 26 anni, che, dopo aver tentato di rubare della merce, stava fuggendo. Il giovane, utilizzando un tronchesino, dopo aver staccato la placca antitaccheggio aveva nascosto sotto il giubbotto diverse magliette di una nota marca per un valore di alcune decine di euro.

In tutti e due i casi gli agenti hanno denunciato per furto aggravato i responsabili restituendo il maltolto ai rispettivi proprietari.