Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 410
RAGUSA - 08/03/2015
Cronache - Momenti di paura per una coppia di coniugi e per altre 3 vittime

Rapine in casa a Marina di Ragusa e Comiso

In entrambi i casi è stata sporta denuncia a carico di ignoti Foto Corrierediragusa.it

Era appena rientrata in casa dopo aver fatto la spesa una coppia di braccianti agricoli rumeni, marito e moglie, quando è stata aggredita a Marina di Ragusa nella serata di ieri da un "commando" composto da 5 rapinatori con il volto nascosto che ha fatto irruzione nell´appartamento. I malviventi si sono fatti consegnare 900 euro in contanti e alcuni gioielli. L’uomo, che aveva accennato ad una reazione, è stato colpito da uno dei rapinatori con una bastonata alla testa che ha provocato una ferita profonda, al punto da costringere la vittima a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso. La coppia ha sporto denuncia a carico di ignoti.

Un´altra rapina in casa si è verificata in corso Vittorio Emanuele, a pochi metri dalla chiesa parrocchiale di San Giuseppe a Comiso. Nel mirino dei rapinatori due donne cognate fra di loro, una delle quali è la titolare di una storica gioielleria e argenteria comisana, e il nipote, figlio dell´altra donna. I malviventi hanno atteso le loro vittime nei pressi dell´ingresso del palazzo dove abitano. Al momento in cui sono rincasati, si sono improvvisamente materializzati spingendo con forza i malcapitati dentro. I due rapinatori hanno intimato alle vittime di consegnare quanto di prezioso avessero in casa. I due banditi, col volto nascosto da un cappuccio e, uno di loro, brandendo una pistola (forse giocattolo), hanno quindi costretto le donne a indicare dov´erano riposti ori e argenti.

Uno dei malviventi avrebbe schiaffeggiato il giovane e spintonato pesantemente la titolare dello storico esercizio commerciali sito, tra l´altro, al piano terra del palazzo stesso. Non si tratta di stranieri bensì di malviventi locali o comunque del circondario. L´ammontare del bottino non è stato ancora quantificato ma dovrebbe essere consistente per il numero e il valore degli oggetti asportati.