Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 669
RAGUSA - 25/06/2008
Cronache - Ragusa - Sono stati i loro stessi colleghi ad ammanettarli

Carne per non elevare verbali:
arrestati 2 agenti Polstrada

Si tratta di Angelo Iacono, 49 anni, ed Emanuele Raniolo, di 40 Foto Corrierediragusa.it

Si sono giocati oltre un ventennio di servizio alle spalle per mezzo maiale a testa. L’esperienza acquisita in anni di lavoro non ha dissuaso due assistenti capo della polizia stradale di Ragusa dal compromettere le rispettive carriere, rendendosi colpevoli del reato di concussione in concorso.

Ma Angelo Iacono, 49 anni, ed Emanuele Raniolo, di 40, entrambi ragusani, non avevano chiesto denaro ad un camionista, ma piuttosto carne di suino macellata fresca. Un insolito particolare che rende ancora più incredibile una vicenda delicata, che ha scosso il comando provinciale della polizia stradale.

Iacono e Raniolo sono stati arrestati nelle rispettive abitazioni di Ragusa dai loro stessi colleghi, al termine di oltre un mese e mezzo di indagini culminate nella richiesta di custodia cautelare emessa dal procuratore di Modica Domenico Platania e accolta dal gip Michele Palazzolo, che ha concesso gli arresti domiciliari.

Nel frattempo i due assistenti capo sono stati sospesi dal servizio a tempo indeterminato, in attesa dell’evoluzione della vicenda giudiziaria. Il reato è stato consumato lo scorso maggio in territorio di Modica, per l’esattezza lungo l’arteria che conduce ad Ispica. Nell’ambito di un posto di controllo di routine i due agenti avevano fermato un autotrasportatore alla guida di un camion con annessa cella frigorifera. Dagli accertamenti erano emersi alcuni illeciti amministrativi a carico del camionista. Qualche infrazione al codice della strada e un paio di irregolarità dal punto di vista igienico sanitario in riferimento al carico: per l’appunto dei quarti di maiale appena macellati.

E qui la sorpresa per l’autotrasportatore: nessun verbale a suo carico. In compenso avrebbe dovuto cedere un po’ di quella carne fresca ai due assistenti capo. Detto fatto. Felice di non pagare multe salate, il camionista concordò con il titolare della ditta per la quale lavorava la consegna a domicilio di un quarto di maiale a testa per i due agenti. Pare che Iacono e Raniolo abbiano fermato il camionista una seconda volta anche lungo la Modica ? Ragusa. Anche in quel caso si sarebbero fatti consegnare la carne suina.

Proprio questi due controlli allo stesso mezzo a distanza ravvicinata avevano messo sul chi vive i colleghi dei due assistenti capo. Nessuna denuncia era difatti pervenuta al comando provinciale, né da parte del camionista, né da parte della ditta di trasporto. Gli agenti della Polizia stradale hanno fatto tutto da soli, svolgendo accurate indagini con pedinamenti e intercettazioni. Purtroppo è alla fine saltata fuori l’incredibile vicenda, supportata da una serie di prove che hanno convinto la Procura a richiedere la custodia cautelare, concessa dal gip.

«Ci dispiace tantissimo per quanto accaduto ? dichiara il comandante Antonio Capodicasa ? ma purtroppo sono cose che possono succedere, anche se non dovrebbero. Noi abbiamo agito per tempo, estirpando il male alla radice, senza bisogno di nessuna denuncia, ma accertando i fatti sulla base dei primi sospetti. Spero che la prontezza con la quale abbiamo agito ? conclude Capodicasa ? possa contribuire a non minare la fiducia dei cittadini conquistata in anni di duro lavoro del comando provinciale e che, sono certo, non saranno vanificati agli occhi della collettività solo a causa delle sconsiderate azioni di pochi».

Il comandante della Polstrada di Ragusa Antonio Capodicasa