Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 813
RAGUSA - 06/12/2014
Cronache - Si attendono comunque gli esiti ufficiali dell’autopsia tra 2 settimane

C´è un indagato per morte infermiera Daniela Dinatale

La donna era in ottima forma fisica, amante della vita all’aria aperta e dello jogging Foto Corrierediragusa.it

Ci sarebbe una persona iscritta nel registro degli indagati dell´inchiesta per la morte dell´infermiera 50enne ragusana Daniela Dinatale (foto), trovata senza vita in casa, adagiata sul proprio letto, vestita, senza alcun apparente segno di violenza. Riserbo assoluto sull´identità e sulla professione dell´indagato. Non è escluso che la vicenda del decesso repentino della donna possa in qualche modo essere legata ai disturbi che la Dinatale pare abbia accusato dopo essersi sottoposta ad un intervento chirurgico. Mancano ancora però i risultati dell´autopsia dai quali si potrà accertare la reale causa della morte. Nulla è ancora certo per altre cause di morte naturale, relative o ad eventuali infezioni, patologie pregresse o a cause fulminanti. Al momento la morte della 50enne ragusana resta dunque un giallo, i cui contorni sono ancora tutti da definire. Nell´abitazione di corso Italia, di fronte alla chiesa di Santa Maria Ausiliatrice (Salesiani), quando Daniela Dinatale è stata trovata, dentro casa non mancava nulla ed era tutto in ordine. Al contempo non vi era niente (medicinali, droghe o altro) che potesse fare pensare ad un suicidio.

Peraltro la donna era in ottima forma fisica, amante della vita all´aria aperta e dello jogging (era uno dei soci fondatori dell´associazione sportiva ragusana "Amunì"), e proprio in questo senso appariva molto improbabile, già dalle prime ore della morte, un problema cardiaco (ipotesi poi esclusa dalla stessa autopsia).