Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 874
RAGUSA - 20/11/2014
Cronache - A tutela del "Made in Italy"

Merce contraffatta alla fiera, 4 denunce della Finanza

Gli ambulanti avevano tentato la fuga Foto Corrierediragusa.it

In occasione della tradizionale Fiera di San Martino, i militari del Nucleo Polizia Tributaria di Ragusa e della Tenenza di Vittoria, nell’ambito di attività finalizzate al contrasto del commercio di prodotti contraffatti e tutela del «Made in Italy», hanno sequestrato 930 oggetti contraffatti. I finanzieri in borghese, mescolati fra la gente, hanno operato un continuo e minuzioso monitoraggio tra le bancarelle del mercato al fine di rilevare la presenza di merce contraffatta. Durante i controlli sono stati sorpresi quattro soggetti, di cui un italiano, un senegalese e due marocchini, a vendere capi di abbigliamento, calzature, borse ed accessori vari, con l’imitazione dei marchi più prestigiosi ed in voga del momento, nonché numerosi cd musicali e film in dvd.

Alla vista dei finanzieri, gli extracomunitari hanno tentato una precipitosa fuga tra le bancarelle, ma i militari li avevano già circondati ancor prima di essere riconosciuti. La merce era posata direttamente sull’asfalto, ben ordinata su dei teli che, facilmente raccoglibili, gli avrebbero consentito una rapida fuga. All’altro soggetto, di origine catanese, sono stati sequestrati oltre 180 capi di abbigliamento esposte su una bancarella del mercato. Gli ambulanti sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Ragusa mentre la merce contraffatta è stata sottoposta a sequestro e messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in attesa di perizia da parte dei tecnici delle case produttrici e successivamente distrutta.

L’attività di controllo dei beni venduti nei mercati e nelle fiere è volta alla tutela dei prodotti «Made in Italy» e dei commercianti onesti, nonché alla salvaguardia dei cittadini che, spesso, allettati dal prezzo, acquistano prodotti che poi si rivelano di scarsa qualità e nocivi per la salute.