Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 787
RAGUSA - 10/11/2014
Cronache - Arrestato il 39enne ispicese Antonio Carpintieri

Va dall´oculista per una visita evadendo dai domiciliari!

Intanto operazione "Weekend sicuro" a Vittoria e non solo Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri della stazione di Ragusa Ibla hanno ammanettato in flagranza di reato di evasione dai domiciliari un 39enne di Ispica. L’arrestato, Antonio Carpintieri, era uscito di casa, evadendo dai domiciliari, per andare dall’oculista. Carpinteri, forse avvisato della visita dei militari, dopola visita dal medico si era recato in caserma per chiarire la sua posizione.

Alla fine all´uomo sono stati di nuovo concessi i domiciliari nella sua abitazione di Rosolini.

OPERAZIONE "WEEKEND SICURO" A VITTORIA E NON SOLO
Controlli serrati da parte dei Carabinieri anche nel corso di questo fine settimana in tutta la giurisdizione della Compagnia di Vittoria, che ha visto un enorme afflusso di persone dalle province e dai comuni limitrofi per la 48ma Emaia campionaria 2014, finalizzata a far trascorrere un «weekend sicuro» a tutte le oneste famiglie che abitano nel territorio di competenza e a tutte quelle persone che vi si recano: 3 le persone denunciate, 10 le perquisizioni effettuate, 4 le patenti ritirate, 7 contravvenzioni al C.d.S. comminate per un totale di 15 punti decurtati dalle patenti di guida, 37 veicoli controllati e 93 persone identificate.

Sono i risultati dei controlli su vasta scala che i Carabinieri, nell’ambito dei servizi straordinari di controllo predisposti in tutto il territorio ragusano dal Comando Provinciale, hanno portato a termine durante tutto il fine settimana, nelle città di Acate, Scoglitti e Vittoria. Un’operazione che ha comportato il dispiegamento in tutta la giurisdizione di 10 pattuglie e di oltre 25 militari, in uniforme e in abiti simulati, finalizzata da un lato a reprimere i reati di natura predatoria, che più da vicino colpiscono gli onesti cittadini, specie nelle aree rurali, e dall’altro lato ad intervenire duramente nei confronti di quanti si mettono alla guida senza patente e senza avere assicurato il mezzo, o in stato di ebbrezza alcolica, con evidenti risvolti negativi in caso di incidenti stradali.

L’attività di controllo straordinario del territorio di competenza ha permesso ai militari di deferire in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria iblea 3 persone. Nello specifico a Vittoria, il giro di vite contro i furti e i reati predatori ha permesso di denunciare a piede libero per furto aggravato una 20enne rumena incensurata, M. G. A., che aveva sottratto alimenti e liquori in un supermercato di C.da Bosco Piano, per un valore complessivo di oltre 300 euro: la refurtiva, prontamente recuperata da una gazzella del Pronto Intervento, è stata già restituita al responsabile dell’esercizio commerciale. Nel corso poi di un posto di controllo, sempre i militari dell’Aliquota Radiomobile, hanno sorpreso un 41enne marocchino incensurato, E. H. H., alla guida di una Ford Focus privo della patente di guida, che non aveva mai conseguito, con evidenti rischi per quanto attiene la sicurezza stradale.

Ad Acate, invece, i Carabinieri della locale Stazione, hanno proseguito l’intensificazione delle perquisizioni finalizzate a recuperare refurtiva rubata che, già qualche giorno or sono, aveva dato la possibilità di ritrovare materiale per l’agricoltura illecitamente sottratto da 3 tunisini per una valore di oltre 5 mila euro. Nel fine settimana i militari, nel corso di mirate perquisizioni domiciliari, hanno trovato in casa di un insospettabile 26enne marocchino, C. A., un ciclomotore Malaguti F12 privo di targa e con il telaio abraso ed illeggibile: il giovane è stato denunciato per riciclaggio e ricettazione, mentre il mezzo è stato sequestrato per gli accertamenti del caso finalizzati a risalire al numero di telaio originale e, quindi, individuare il legittimo proprietario.
Analoghi controlli, da parte dell’Arma dei Carabinieri, proseguiranno nei prossimi giorni in tutta la provincia di Ragusa.