Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1135
RAGUSA - 08/10/2014
Cronache - Comminate sanzioni amministrative per 20mila euro

Scoperti 4 lavoratori in nero dai carabinieri

Recuperati 5mila euro di contributi ai lavoratori Foto Corrierediragusa.it

Contrasto dei Carabinieri al lavoro nero a Ragusa e provincia: scoperti 4 lavoratori completamente in nero e sospese 2 attività imprenditoriali, sanzioni amministrative per oltre 20mila euro. Recuperati 5mila euro di contributi ai lavoratori. E´ il risultato del lavoro dei militari che hanno sottoposto a controllo 10 esercizi commerciali a Ragusa, Scicli, Modica e Pozzallo, verificando 25 posizioni lavorative. Di questi, 7 lavoratori sono risultati irregolari e 4 lavoratori sono risultati totalmente «in nero» e privi di tutela assicurativa e previdenziale nero.

Avendo quindi riscontrato una percentuale di lavoratori in nero pari o superiore al 20% della forza lavoro presente, i militari intimavano la sospensione di 2 attività imprenditoriali come previsto dal testo unico 81/2008 a tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, così come recentemente modificato a dicembre 2013.

Certi datori di lavoro continuano ad approfittare dello stato di necessità del lavoratore subordinato che, specie in questi tempi di difficoltà economiche, accetta di lavorare in nero pur di impiegarsi con i conseguenti immaginabili rischi oggi in caso di infortunio e domani all’atto del pensionamento, quando l’Inps non riconoscerà la giusta pensione, non ritrovando i versamenti contributivi.

Sono quindi state contestate sanzioni amministrative per complessivi 20mila euro, mentre i 2 datori di lavoro cui veniva imposta la sospensione dell’attività imprenditoriale hanno dovuto ottemperare alle prescrizioni irrogate dai militari, nonché regolarizzare i dipendenti in nero, versando l’importo di complessivi 3mila 900 euro e, successivamente, dovendo versare i contributi previdenziali e assistenziali non corrisposti.