Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 816
RAGUSA - 07/10/2014
Cronache - Donne sempre più vittime dell’odioso fenomeno

Due casi di stalking accertati a Ragusa

Divieto di avvicinamento alla vittima per uno, arresto per l’altro Foto Corrierediragusa.it

Pochi mesi fa a Ragusa era stato denunciato per stalking dall´ex moglie ed era stato per questo processato e condannato. Adesso F.C., di 40 anni, è stato nuovamente denunciato, dalla squadra mobile, perché avrebbe perseguitato un´altra donna donna con la quale aveva allacciato un relazione. Secondo quanto accertato l´uomo stava adottando nei confronti della vittima lo stesso comportamento che aveva avuto con la ex consorte: telefonate, centinaia di sms, insulti, minacce, promesse, fiori, regali ed appostamenti. Per questo motivo la Procura della Repubblica iblea ha richiesto ed ottenuto nei confronti dell´uomo un divieto di avvicinamento, che ora non potrà avvicinarsi ne all´ex moglie ne all´ex compagna.

IL CASO SCOPERTO DAI CARABINIERI
Ancora stalking a Ragusa. A finire in manette una vecchia conoscenza dei carabinieri: il 39enne comisano N.D. L’uomo, padre di figli piccoli nati dal matrimonio con la sua vittima designata, era già stato denunciato a piede libero lo scorso giugno, sempre dai militari di Ragusa Ibla, ma con l’applicazione della misura cautelare del divieto d’avvicinamento alla donna. Tale misura evidentemente non è stata sufficiente poiché i militari hanno scoperto che l’uomo ha continuato a tempestare la moglie di telefonate per tutta l’estate e sembra addirittura, stanno indagando i carabinieri di Ibla, che si sia anche avvicinato alla donna ma che questa non avesse chiamato i militari.

Il giudice per le indagini preliminari Giovanni Giampiccolo, quindi, informato dai carabinieri di Ibla tramite il Pubblico Ministero Monica Monego che dirige questa indagine, ha deciso che la misura cautelare dovesse essere inasprita poiché quella in atto non era sufficiente ad arginare l’irruenza dell’indagato.

Emessa apposita ordinanza di custodia cautelare, è stato quindi compito dei Carabinieri di Ragusa Ibla, con l’aiuto di quelli di Comiso, rintracciare l´uomo e arrestarlo. Ora è sottoposto agli arresti domiciliari a Comiso.