Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 839
RAGUSA - 05/09/2014
Cronache - Si tratta di un rumeno 26enne

Deruba del bancomat il suo capo dopo il licenziamento

L’imprenditore si era allevato una sorta di serpe in seno Foto Corrierediragusa.it

Lo accompagnava a casa dopo il lavoro, lo andava a prendere e lo accudiva come poteva: da semplice dipendente era diventato quasi uno di famiglia, ma quando il titolare gli comunica di starsene a casa per il poco lavoro determinato dalla crisi, il giovane operaio rumeno per tutta risposta lo deruba del bancomat e del codice pin ed effettua in 3 giorni prelievi per migliaia di euro. La Polizia di Stato a seguito di un’indagine lampo ha identificato e denunciato il ladro per furto aggravato e continuato, recuperando il bancomat.

Si tratta del 26enne R.I., residente a Ragusa. Pochi giorni fa un imprenditore di Ragusa titolare di un’azienda di energie rinnovabili si accorgeva dall’estratto conto che vi erano diversi prelievi per migliaia di euro da una carta bancomat di cui non si ricordava.

L’uomo si recava in banca in tutta fretta chiedendo spiegazioni e l´impiegato gli dimostrava la validità delle operazioni. L´imprenditore si è quindi rivolto al 113. Immediate le indagini della Squadra Mobile che intanto faceva bloccare la tessera bancomat per evitare ulteriori prelievi.
Con la collaborazione dell’Istituto Bancario gli investigatori della Sezione Reati Contro il Patrimonio hanno visualizzato decine di filmati fino a quando in ben 7 occasioni hanno individuato il giovane che aveva effettuato i prelievi (foto).

Convocato il direttore di banca, questi riferiva che di sicuro non si trattava di un loro cliente, pertanto veniva invitata la vittima per un riconoscimento e con enorme stupore, colui che fino a pochi giorni fa era stato favorito, aiutato, sfamato ed accompagnato a casa ogni qualvolta fosse stanco o vi fossero cattive condizioni meteo aveva derubato in azienda il titolare della carta bancomat e del pin.

La vittima riconosceva il suo operaio che da qualche giorno era stato messo alla porta per mancanza di lavoro con tanto di scuse e promesse di una nuova chiamata appena necessario, presumibilmente 10 giorni. Il rumeno forse non ha creduto al titolare che vi sarebbe stata una nuova opportunità per lui, pertanto decideva di appropriarsi del bancomat in un momento di distrazione ed in 3 giorni prelevava qualche migliaio di euro. Ma è stato scoperto.


BAH!
05/09/2014 | 15.55.12
Gianni

Sempre i soliti....