Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1449
RAGUSA - 13/08/2014
Cronache - Da Marina di Ragusa a Santa Croce Camerina a folle velocità

Inseguimento dei carabinieri a 2 fuggitivi con merce tarocca

I due immigrati sono stati denunciati Foto Corrierediragusa.it

Inseguimento in auto dei carabinieri alle calcagna di due venditori ambulanti di merce griffata e contraffatta. Dal lungomare Andrea Doria a Marina di Ragusa al centro di Santa Croce Camerina i militari non hanno mollato, bloccando e denunciando i fuggitivi, che avevano attirato involontariamente l’attenzione dei tutori dell’ordine a causa della «Fiat Punto» sulla quale viaggiavano e caricata all’inverosimile. Invece di fermarsi all’alt dei militari, il guidatore ha pigiato sull’acceleratore. Da qui il lungo inseguimento per le strade del litorale. L’auto era peraltro priva di assicurazione. La merce sottoposta a sequestro comprendeva 44 occhiali da sole a marchio «Ray ban», 3 occhiali da sole a marchio «Prada», 2 occhiali da sole a marchio «Mark Jacobs», 9 foulard a marchio «Burberry’s» e «Fendi», 8 maglie polo a marchio «Hermont e Blaine», 16 maglie polo a marchio «Fred Perry», 3 maglie polo a marchio «Lacoste», 21 maglie polo a marchio «Ralph Lauren», 6 maglie polo a marchio «La Martina», 3 maglie polo a marchio «Burberry’s», 8 maglie polo a marchio «Colmar», 7 maglie polo a marchio «Armani», 3 maglie polo a marchio «Blauer», 1 maglie polo a marchio «K-way», 5 maglie polo a marchio «DSQuared», 28 paia di scarpe a marchio «Nike», 15 paia di scarpe a marchio «Adidas», 27 paia di scarpe a marchio «Hogan», 3 bermuda a marchio «Harmont & Blaine», un bermuda a marchio «Burberry’s» e un telefono cellulare.

Entrambi gli immigrati sono stati denunciati alla procura per resistenza a pubblico ufficiale in concorso. A carico del marocchino s’ipotizzano altresì i reati di introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi, ricettazione, guida senza patente per non averla mai conseguita, commercio di occhiali da sole privi della marcatura Ce, omessa copertura assicurativa, e poi guida pericolosa, fuga a seguito di sinistro stradale, sorpasso pericoloso e altre del codice della strada.