Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 693
RAGUSA - 21/06/2014
Cronache - E’ stato il figlio dell’aspirante suicida a chiamare il 112

Tenta di gettarsi dal balcone al 4° piano

I militari sono riusciti a bloccarlo sfruttando l’effetto sorpresa Foto Corrierediragusa.it

I carabinieri di Ragusa hanno salvato in extremis un ragusano che si stava per gettare dal balcone di casa al quarto piano di un palazzo. Il figlio dell´aspirante suicida ha chiamato il numero unico europeo di pronto intervento 112 riferendo che il padre, ricevuta una notifica di un atto giudiziario di diniego di un permesso da lui richiesto (lo stesso è agli arresti domiciliari), era letteralmente impazzito e aveva iniziato a urlare che la voleva far finita che non ce la faceva più e altre frasi sconnesse. Il figlio, impaurito, aveva chiamato i carabinieri ed era sceso in strada.

All’arrivo dei militari il ragazza era scosso, lo stesso ha indicato l´ubicazione della casa. I militari hanno deciso per l’effetto sorpresa. Tentare di entrare e bloccarlo a qualsiasi costo. Aperta la porta e lanciatisi nell’appartamento, i due carabinieri hanno trovato l’uomo, il 53enne ragusano B.N., con una bottiglia di acido muriatico in mano. L’uomo, alla vista dei militari, non avendo più il tempo materiale per stappare e bere il micidiale veleno, si è lanciato verso il balcone con i carabinieri «alle calcagna».

I militari sono riusciti a raggiungerlo proprio sul parapetto. Data la foga dell’uomo e la sua forza fisica, i militari hanno faticato non poco in due per bloccarlo e tenerlo fermo, mentre, nel frattempo, pensavano anche a levare di mezzo la bottiglia dell’acido. Un triste episodio che poteva finire in tragedia. Sarebbe bastato un ritardo dell’autopattuglia, un po’ di traffico in più e l’uomo sarebbe morto. Fortunatamente anche questa volta i militari dell’Arma hanno dimostrato grande determinazione, potendo salvare un’altra vita.