Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 350
RAGUSA - 10/06/2014
Cronache - I controlli della squadra mobile

Marijuana coltivata in casa: un arresto

Il ragazzo ha ammesso le proprie responsabilità e ha riferito agli agenti di aver affittato la casa proprio per coltivare erba in quanto la madre lo avrebbe scoperto Foto Corrierediragusa.it

Arrestato dalla polizia Mirko Camillieri (foto), incensurato ragusano di 22 anni per coltivazione di marijuana nella propria abitazione di Ragusa. Il giovane veniva notato in una delle vie limitrofe a corso Vittorio Veneto mentre entrava in casa con un fertilizzante (solitamente usato per coltivazione in serra). Il ragazzo, sottoposto a normale controllo, iniziava a sudare freddo, non riusciva neanche a parlare e per questo gli agenti chiedevano cosa avesse da temere. Il giovane, nonostante le rassicurazioni degli operatori, continuava ad essere particolarmente nervoso tanto che spingeva gli investigatori ad effettuare una perquisizione domiciliare e con non poca sorpresa Camillieri veniva trovato in possesso di una vera e propria serra fai da te con lampade, fertilizzanti, concimi, termometri ed umidificatori. Tutti gli strumenti utilizzati per commettere il reato sono stati sequestrati così come 20 grammi circa di marijuana e due piante alte quasi un metro dalle quali sarebbe stato possibile ricavare altri 100 grammi almeno, ma invece andranno distrutte per ordine della Procura della Repubblica. Camillieri era dotato anche di trita erba per il confezionamento e due bilance di precisione: inevitabili le manette.

Il ragazzo ha ammesso le proprie responsabilità ed ha riferito agli agenti della Squadra Mobile di aver affittato la casa proprio per coltivare erba in quanto la madre lo avrebbe scoperto. Il giovane coltivatore difatti dormiva a casa con la famiglia ma quotidianamente andava nella casa da lui affittata per accudire le piante da lui curate con amore. Al termine dell’Attività di Polizia Giudiziaria e del foto segnalamento dell’arrestato da parte della Polizia Scientifica il giovane è stato condotto presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, in regime di arresti domiciliari.

La polizia ha altresì denunciato R.T., tunisino di 30 anni, per spaccio di hashish in Piazza San Giovanni a Ragusa.