Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 696
RAGUSA - 29/04/2014
Cronache - Operazione antidroga "Pentagono" dei Carabinieri per spaccio di cocaina e hashish

Ex netturbino e 3 casalinghe a capo di una rete di spaccio

Il gruppo era finanziato da un insospettabile impenditore edile sciclitano 46enne Foto Corrierediragusa.it

Era operatore ecologico ma i soldi li accumulava spacciando cocaina e hashish, a capo di una organizzazione armata e strutturata in una gerarchia militare con base a Scicli, che poteva contare sui cospicui finanziamenti di un imprenditore edile incensurato. I due insospettabili sciclitani di 45 e 46 anni non immaginavano d’essere finiti nel mirino dei Carabinieri, che li hanno indagati assieme ad altre 47 persone, raccogliendo prove a loro carico con intercettazioni e pedinamenti nell’operazione antidroga «Pentagono». Del gruppo facevano parte anche tre giovani casalinghe imparentate tra loro che si occupavano della contabilità, effettuando i pagamenti per lo stupefacente addirittura con vaglia postali fino a 5mila euro. La droga viaggiava lungo l’asse Campania – Sicilia. Il capoluogo etneo era il centro di smistamento della droga nel Ragusano, nell’ambito di un grosso giro di spaccio gestito da una consorteria criminale strutturata in tre organizzazioni a Napoli, Catania e Scicli e composta da 49 indagati.

La droga veniva spacciata a Vittoria, Modica, Ispica, Pozzallo e Scicli, quartier generale dell’organizzazione iblea composta da 16 persone. Altri 9 compici facevano a Catania da anello di congiunzione con il gruppo di Napoli. Erano invece 24 i corrieri e i pusher. Tre di loro furono arrestati nel 2008 a Catania e Scicli. I Carabinieri hanno ora notificato gli avvisi di conclusione delle indagini coordinate dalla Dda etnea e scattate nel 2007, quando un giovane sciclitano forse implicato nel giro fu ferito con un colpo d’arma da fuoco. I dettagli dell´operazione sono stati illustrati dal Comandante provinciale dei Carabinieri di Ragusa Salvo Gagliano e dal Capitano della Compagnia Carabinieri di Modica Edoardo Cetola (da sx nella foto).


the first and last names
01/05/2014 | 13.08.44
guglielmo

un operazione così importante richiede minimo la menzione
delle iniziali dei nomi