Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1394
RAGUSA - 28/04/2014
Cronache - Manette dei Carabinieri per un immigrato

Botte alla ex e lei lo difende pure!

L’uomo è stato sottoposto ai domiciliari Foto Corrierediragusa.it

I Carabinieri di Ragusa Ibla hanno arrestato un algerino per aver malmenato per l’ennesima volta la (ormai ex) convivente. Dopo l’ennesimo episodio violento i militari sono riusciti ad incastrare l´uomo e a sottoporlo agli arresti domiciliari nell’abitazione della sorella, abbastanza lontano da Ibla dove abita l’ex convivente. I militari sono riusciti a ricostruire l’intera storia e ad arrestare l´uomo solamente grazie al provvidenziale intervento di un’autoambulanza della Croce Rossa Italiana, mandata a casa della donna dal 118. La pattuglia dei carabinieri, visto passare il mezzo di soccorso e capito che c’era qualcosa di grave in ballo, lo ha seguito scoprendo tutta la vicenda.

Il 39enne algerino Rachid Bettabghor (foto), da tempo noto ai Carabinieri e residente da anni in Italia, incontra per caso l’ex convivente in giro per Ibla. Non la vede da fine gennaio quando i militari, su ordine del giudice, gli notificano la misura cautelare dell’allontanamento da casa, scaturita dopo diversi interventi operati in casa della coppia dove la donna era ripetutamente vittima delle angherie e delle violenze dell’uomo. I due chiacchierano e lui riesce a convincerla ad andare a casa da lei. Una volta arrivati i toni si fanno accesi. Non sono ben chiari i motivi della lite, sebbene pare si trattasse di un debito di lui verso lei. L’uomo, forse messo verbalmente alle strette dalla donna, passa alle maniere forti e la prende a calci e pugni, fratturandole le costole. Lei comunque riesce a buttarlo fuori di casa ma l´uomo sale dal pluviale ed entra dalla finestra aggredendola nuovamente.

La donna si sente male e non riesce a respirare, chiama quindi il 118. Ed è a questo punto che i militari, vista l’ambulanza, la seguono e scoprono gli altarini, arrestando l´uomo.