Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 931
RAGUSA - 19/04/2014
Cronache - Il catanese 41enne Filippo Grasso è stato arrestato mentre era a pranzo dalla mamma

VIDEO - Il rapinatore seriale "affezionato" alla "Bapr"

Il malvivente aveva racimolato circa 35mila euro di bottino
Foto CorrierediRagusa.it

La polizia di Ragusa ha arrestato il presunto rapinatore seriale catanese Filippo Grasso (foto), 41 anni: avrebbe commesso tre rapine in filiali della Banca Popolare di Ragusa a Modica, Palazzolo Acreide e Pedalino, fruttate circa 35mila euro. Il rapinatore era una sorta di "aficionado" della Bapr, dal momento che metteva a segno i colpi solo nelle filiali di questa banca. Non a caso il nome dato all´operazione è "Habituè".

 

 
Una preferenza di cui i vertici dell´istituto di credito avrebbero fatto volentieri a meno. A Modica il rapinatore aveva agito nella filiale della banca a Modica Alta. Il modus operandi era sempre lo stesso: azione fulminea con taglierino alla mano per farsi consegnare i soldi. Grasso, ricercato da giorni, è stato arrestato a Catania mentre era a pranzo dalla mamma. Un "peccato di gola" che gli è costato caro, anche se ormai la sua cattura era questione di ore. Tutte le vittime dei colpi - clienti e dipendenti degli istituti di credito - hanno raccontato che il bandito parlava con accento catanese. Gli investigatori della Mobile ragusana, coordinata dal dirigente Antonino Ciavola, dalle analisi dei fotogrammi inseriti nel sistema della banca dati dei detenuti, confrontati con le descrizioni dei testimoni, hanno trovato una somiglianza con Grasso, arrestato in passato a Catania. Estrapolata la fotografia, gli operatori hanno cominciato a tenere d´occhio la casa dei familiari del sospettato che è stato fermato mentre andava nell´abitazione della madre.