Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 919
RAGUSA - 18/04/2014
Cronache - La denuncia è scattata pure per una donna

Furto e ricettazione: denunciato un "Compro oro"

A scoprire gli altarini sono stati i carabinieri Foto Corrierediragusa.it

Sono accusati di ricettazione una donna casalinga napoletana di 39 anni residente a Ragusa e un vittoriese di 50 anni, titolare di un "Compro oro" con sede nel capoluogo. A scoprire gli altarini sono stati i carabinieri di Ragusa, dopo la denuncia di furto presentata dalla figlia dell’anziana vittima a cui erano stati sottratti, in casa, diversi gioielli. Nella denuncia tra l’altro si evince che non vi erano stati segni di effrazione, ragion per cui, i militari hanno chiesto chi avesse la chiave o chi avesse frequentato la casa nel periodo compreso tra gennaio e febbraio scorsi, quando è stato consumato il reato. Stilata una lista di persone, i carabinieri hanno fatto un giro tra i punti vendita specializzati nell’acquisto e nella vendita di monili in oro. E’ stato così scoperto che una delle persone nella lista dei venditori, conoscente della vittima, aveva venduto per ben due volte nello stesso mese dei monili d’oro al medesimo esercizio commerciale. Acquisite le fotografe degli oggetti, i militari le hanno mescolate con altre sempre di monili molto simili e le hanno sottoposte all’attenzione della vittima che, sfogliando il fascicolo fotografico, ha riconosciuto una collana e due bracciali in oro giallo di sua proprietà, che erano stati venduti al negoziante per un importo totale di mille 245 euro.

Colei che ha proceduto alla vendita è stata denunciata alla Procura della Repubblica di Ragusa per ricettazione. Stesso reato per cui è stato denunciato anche il gestore del punto vendita.

I Carabinieri, infatti, ritornati il giorno dopo per sequestrare i monili riconosciuti dalla vittima, hanno scoperto che il negoziante, dopo la visita dei militari, aveva venduto tutto l’oro in suo possesso, portandolo in una fonderia di Catania.