Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:03 - Lettori online 1313
RAGUSA - 21/05/2008
Cronache - Ragusa- La Squadra Mobile arresta un pregiudicato ragusano

In manette Nunzio Scribano per il pestaggio a parcheggiatore

Il 19 marzo, in concorso con un’altra persona, avrebbe fratturato la mandibola destra per una questione di parcheggio Foto Corrierediragusa.it

E’ stato arrestato dalla Squadra Mobile di Ragusa uno dei presunti aggressori di un parcheggiatore. Due mesi dopo la brutale aggressione (19 marzo 2008), è finito in manette l’autotrasportatore Nunzio Scribano (nella foto), 45 anni, pregiudicato, abitante a Ragusa Ibla. Sarebbe stato lui, in concorso con un´altra persona che viene tuttora ricercata, a fracassare la mandibola destra di un indifeso parcheggiatore nei pressi del supermercato di corso Sicilia a Ragusa.

Dopo due mesi di attive indagini, gli uomini coordinati dal vice questore Francesco Marino, sono arrivati al presunto aggressore. Il pestaggio scaturì da un banalissimo motivo di parcheggio di vetture nello spiazzale antistante il supermarket. Fra la vittima e lo Scribano sarebbe scoppiata una lite per la pretesa di parcheggiare nello spiazzale. Regole di parcheggio, fra l’altro, imposte dalla direzione del market, che prevedono il diritto alla sosta per i clienti che si recano a fare la spesa.

Lo Scribano non avrebbe gradito le regole imposte dal parcheggiatore, tant’è che nel pomeriggio, agendo in concorso con un’altra persona, avrebbe in maniera premeditata organizzato una vera e propria spedizione punitiva contro lo sventurato parcheggiatore. Nel corso del pestaggio la vittima ha riportato la frattura alla mandibola destra.

Da quel momento scattarono le indagini, conclusesi ora con l’arresto di Scribano a seguito del provvedimento di misura cautelare emesso dal Gip Vincenzo Ignaccolo su richiesta del sostituto procuratore Monica Monego.