Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1096
RAGUSA - 01/02/2014
Cronache - Nel 2013 sono stati 73 gli arresti effettuati

Ciavola lascia le Volanti per la Mobile: bilancio attività

Evidenziato il sequestro di ingenti quantità di stupefacenti, con la lotta allo spaccio nelle scuole Foto Corrierediragusa.it

Il dirigente della sezione volanti Nino Ciavola (foto) lascia per andare a ricoprire lo stesso ruolo alla Squadra mobile. Al suo posto arriva Vinzy Siracusano. Ciavola, nell´ultimo incontro con i giornalisti in qualità di dirigente della sezione volanti, ha inteso ringraziare i suoi uomini per il lavoro fin qui svolto, del quale ha evidenziato i risultati salienti. A cominciare da Marina di Ragusa con i poliziotti in bici nel periodo estivo per una maggiore percezione della sicurezza a beneficio dei residenti, con numerosi ladri e truffatori individuati. E poi ancora il salvataggio di un bambino di appena 10 giorni in una villetta per un malore. Erano stati due poliziotti a portare il neonato in ospedale, dopo aver prestato le prime cure, salvandogli di fatto la vita.

Ciavola ha poi sottolineato il sequestro di ingenti quantità di stupefacenti, con la lotta allo spaccio nelle scuole, che ha visto peraltro il ravvedimento di uno studente. Tempestivi poi gli interventi per gli sbarchi di clandestini. E poi ancora i salvataggi degli agenti a persone che volevano togliersi la vita. In questo senso sono stati una mezza dozzina i poliziotti encomiati. Nel 2012 sono state 42 le persone arrestate, 108 le denunce. Nel 2013 invece 73 gli arresti complessivi. Per il dirigente Ciavola «L’uomo in campo in più della polizia è il cittadino, che rappresenta gli insostituibili occhi in più grazie alle tempestive segnalazioni al 113 per prevenire o scoprire i reati».