Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1120
RAGUSA - 24/12/2013
Cronache - A distanza di 48 ore l’uno dall’altro

Due tentati suicidi a Ragusa e Modica

In entrambi i casi è intervenuta la polizia per scongiurare il peggio Foto Corrierediragusa.it

Una donna voleva gettarsi dal ponte San Vito a Ragusa mentre un uomo stava cercando di farla desistere dall’insano gesto. Qualcuno ha chiamato il 113 e una volante è giunta in poco tempo. Gli agenti hanno quindi preso in mano la situazione mentre la donna aveva già scavalcato la ringhiera di protezione. La donna, di nazionalità straniera, particolarmente scossa per tristi vicende che le sono capitate in questi giorni, aveva deciso di farla finita. Gli agenti, dopo una prima assistenza psicologica, convincevano la donna a recarsi in ospedale per le cure del caso, cosicché veniva richiesto l’intervento del 118. La donna è stata dimessa e sta bene, dopo il ritorno a casa con il suo compagno del tutto ignaro del tentativo di suicidio.

E invece un ragazzo voleva farla finita gettandosi nel vuoto dal ponte Costanzo a causa di una delusione amorosa. E’ stato proprio il tempo impiegato nell’auto ferma sul viadotto per scrivere una lunga lettera d’addio alla destinataria delle sue pene d’amore ad aver salvato la vita ad un 24enne di Comiso. L’allarme lanciato dagli automobilisti in transito ha difatti consentito ad una volante del commissariato di Modica di raggiungere in pochi minuti la zona e far desistere dall’insano gesto il giovane che proprio da pochi minuti era sceso dalla sua «Nissan» dopo aver scritto quella che doveva essere la sua ultima missiva. Gli agenti hanno fatto ragionare il ragazzo, inducendolo a tornare sui propri passi ed affidandolo alla famiglia, del tutto all’oscuro del fatto che il giovane fosse partito dalla cittadina casmenea al volante della propria auto allo scopo di raggiungere il viadotto Costanzo per farla finita.