Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 1000
RAGUSA - 22/10/2013
Cronache - Incidente stradale per fortuna senza conseguenze

Petrolio sulla Ragusa Catania da autocisterna

Sono stati impegnati i Vigili del Fuoco di Ragusa e le squadre di pronto intervento dello stabilimento Enichem
Foto CorrierediRagusa.it

La strada statale Ragusa - Catania è stata chiusa al traffico all’altezza del km 4 per oltre tre ore, a causa di un rovesciamento di petrolio greggio da un’autocisterna diretta a Gela (foto). E’ accaduto alle 15.30 di ieri pomeriggio, quando il veicolo della ditta Spataro di Ragusa stava trasportando per conto dell’Enichem petrolio greggio, estratto dal bacino petrolifero di Ragusa, alla raffineria di Gela. Il conducente dell’autocisterna per evitare lo scontro con un’automobile che era in fase di sorpasso, si è stretto nel lato destro della carreggiata, finendo con le due ruote dell’asse posteriore nella canaletta di scolo dell’acqua. La conseguenza di questa uscita di strada, è stato l’impatto del serbatoio contro la scarpata che ha provocato una lesione della cisterna. Il mezzo è poi rimbalzato sulla corsia opposta, colpendo il guardrail, per poi risistemarsi nel proprio senso di marcia.

Sono stati impegnati i Vigili del Fuoco di Ragusa e le squadre di pronto intervento dello stabilimento Enichem, che grazie ad un camion dotato di pompa hanno aspirato il petrolio finito nella canaletta. A evitare conseguenze ben più pesanti, è stato il conducente di un’altra autocisterna della stessa ditta Spataro che insieme al collega, con molta professionalità, hanno collegato le pompe di aspirazione travasando il petrolio nell’altro mezzo, evitando così che tutto il liquido infiammabile finisse nell’asfalto.

Il peggio è stato scampato sia sotto l’aspetto ambientale (tutto il petrolio è stato recuperato) sia perché non ci sono state persone coinvolte. L’unico disagio è stato per gli automobilisti che hanno dovuto studiare percorsi alternativi.