Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 978
RAGUSA - 10/10/2013
Cronache - Due operatori della Protezione civile sono intervenuti con un gommone. L’encomio del sindaco

Famiglia russa salvata da annegamento a Marina

Sono due adulti e due bambini in vacanza nella frazione balneare

Una famiglia russa composta da quattro persone è stata salvata a 300 metri dalla battigia della spiaggia antistante piazza Dogana a Marina. Due uomini della Protezione civile, Giuseppe Schembari e Carlo Migliorisi, hanno infatti tratto in salvo una coppia di adulti e due bambini che avevano deciso di prendere il bagno nonostante le cattive condizioni del mare. La forte corrente ha portato subito al largo i quattro malcapitati e solo l´intervento dei due uomini della Protezione civile a bordo del gommone "Barracuda" ha evitato il peggio.

I quattro sono stati infatti subito individuati, dopo la segnalazione arrivata dalla Capitaneria di porto e tratti a bordo per essere riportati a terra. Ad attendere i quattro bagnanti una piccola folla di curiosi che aveva seguito la scena con apprensione. Per i quattro tratti in salvo scene di commozione, di festa e tanti abbracci e ringraziamenti ai soccorritori. Grazie a loro infatti la brutta avventura ha avuto un lieto fine.

Il Sindaco Federico Piccitto, appresa la notizia dell´intervento in mare, a nome personale e dell´Amministrazione Comunale ha espresso ai due componenti della Protezione Civile il plauso per la brillante operazione «Il Presidio della Protezione Civile al Porto di Marina di Ragusa e la presenza di personale in turni di servizio anche nel periodo in cui non viene garantito il servizio di postazioni di salvataggio sulle spiagge – dice il sindaco Piccitto - è servito, ancora una volta, ad evitare che si consumasse una tragedia».