Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1111
RAGUSA - 06/09/2013
Cronache - Operazione "Basso rischio": arresto scattato per un ex assicuratore ragusano 63enne

Frodi assicurative: arrestato Gambina

Dalla denuncia di un ragusano che si era visto chiamare da una compagnia asssicurativa per rispondere di un incidente stradale in cui non era mai stato coinvolto erano partite le indagini Foto Corrierediragusa.it

Aveva frodato alcune compagnie assicurative con 22 falsi incidenti stradali per un danno complessivo di 20mila euro. Con l’accusa di frode assicurativa gli agenti della Polstrada diretti dal vice questore aggiunto Gaetano Di Mauro hanno arrestato l’ex assicuratore 63enne ragusano Francesco Gambina (foto), al quale sono stati concessi i domiciliari. Le manette sono scattate nell’ambito dell’operazione «Basso rischio» e che vede altre 39 persone indagate: 21 residenti a Ragusa, 10 Caltagirone, una a Palermo, una a Niscemi, 2 Santa Croce, una a Vittoria, una a Comiso, una a Santa Croce e una a Grammichele.

Gambina utilizzava per i suoi imbrogli delle polizze assicurative scadute di ignari utenti che poi inviava ad un complice a Palermo per concretizzare le frodi. Le successive indagini consentivano di accertare che le polizze sospese erano state attivate a Ragusa da Gambina, allora consulente assicurativo, a cui si erano rivolti dei cittadini, oggi indagati, per ottenere polizze a basso rischio. Gambina, come accennato, utilizzando polizze assicurative sospese di ignari ragusani, le riattivava e, facendo ricorso a dei falsi passaggi di proprietà, inviava il tutto all’agente assicurativo palermitano che a sua volta stipulava i contratti con una compagnia assicurativa, avente sede a Palermo.

Se da un lato i clienti ragusani venivano favoriti dall´attività illecita, dall’altro diventavano successivamente vittime, in quanto lo stesso assicuratore ragusano, a loro insaputa, utilizzava le citate polizze ed i dati degli stessi clienti per confezionare altri falsi incidenti.

L’altra indagine, che vede danneggiate tre assicurazioni online, prende avvio nel 2011, dalla denuncia di un ragusano che si è visto recapitare una missiva dalla propria assicurazione che gli comunicava di essere stato coinvolto in un incidente, che il denunciante non aveva mai fatto. Dalle indagini espletate è emerso che Gambina, a cui in passato si era rivolto il denunciante, aveva attivato delle polizze on line a sua insaputa insaputa, per favorire con falsi sinistri, due complici.

A novembre 2012 furono effettuate 5 perquisizioni, di cui 3 a Ragusa e 2 a Palermo, che avevano visto il sequestro a Ragusa, di un personal computer, di 350 fascicoli, contenenti documenti di interesse investigativo nonché diversi Cid già compilati a metà, compreso il luogo dell’incidente e mancanti solo dei dati dell’altro conducente. A Palermo furono invece sequestrati dei documenti relativi a 19 falsi incidenti ed ulteriori 13 fascicoli di interesse investigativo.