Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 1062
RAGUSA - 28/08/2013
Cronache - Operazione in borghese dei Carabinieri

Due denunce e 53 coltelli sequestrati

I controlli proseguiranno anche nei prossimi giorni Foto Corrierediragusa.it

Due persone sono stete denunciate per vendita ambulante illegale di armi dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Ragusa, che hanno sequestrato complessivamente 53 coltelli di diversi tipi e forme (foto). I carabinieri di Ragusa, su indicazione del Comandante Provinciale, Colonnello Salvatore Gagliano, si sono vestiti in abiti civili e mescolati alla folla, al fine di reprimere i reati in occasione del notevole assembramento di persone che si verifica per la fiera di San Giovanni, con centinaia di bancarelle e qualche migliaio di persone che passeggiano spensieratamente, a rischio di furti con destrezza (borseggi) in danno di persone chine ad osservare la merce esposta o distratte nel chiacchiericcio con gli amici. Nella rete dei carabinieri iblei sono caduti due commercianti titolari d’impresa individuale sorpresi a vendere armi bianche.

Il primo, lungo la via Monsignor Angelo Rizzo, un agrigentino 50enne, aveva sul proprio banco, esposti in bella vista, 16 coltelli tipo «balisong» ovvero quelli noti come butterfly o farfalla e due coltelli a spinta, noti come «pusher». Entrambi i generi sono ritenuti armi e non coltelli da lavoro, poiché la loro naturale destinazione non è legata alle attività dell’uomo ma è l’offesa della persona. Particolarmente micidiali i pushers che hanno l’impugnatura perpendicolare alla lama, che quindi fuoriesce tra l’indice e il medio. Il commerciante è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Ragusa per commercio ambulante di armi, pratica assolutamente vietata dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

Poco dopo, percorrendo la via Tenente Emanuele Lena, i militari notavano sparpagliati alla rinfusa su un banchetto alcune decine di coltelli, 13 a molla, ovvero dotati di un pulsante che rilascia la lama facendola uscire di scatto, arma particolarmente subdola poiché impiegabile con una sola mano, e ventidue «normali» a serramanico. Quest’ultimi certo impiegabili per sbucciare una mela, senza commettere alcun reato, se non fosse che il commerciante, alla richiesta di esibire la licenza per la vendita di strumenti da punta e da taglio atti ad offendere, ha allargato le braccia ammettendo candidamente di non averla… Per lui, un 26enne bengalese regolarmente residente a Palermo, doppia denuncia, oltre che per commercio ambulante di armi relativamente alle tredici «mollette», anche per vendita di strumenti da punta/taglio senza avere la licenza.

Complessivamente rischiano fino a 12 mesi il primo e fino a 15 il secondo, certo la condizione di assoluta incensuratezza li potrà aiutare davanti al magistrato, ma è vero che con un po’ di accortezza in più si sarebbe potuto evitare.