Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 509
RAGUSA - 23/08/2013
Cronache - E’ stato bloccato nella sua casa di Gela nonostante le resistenze dei genitori

Minorenne arrestato dopo furto scooter a Marina

In un primo momento era stato accompagnato in una comunità di assitenza ma dopo pochi giorni era scappato

Gli agenti della Squadra Volanti della questura di Ragusa, unitamente al personale del Commissariato di P.S. di Gela hanno eseguito nel corso della notte a Gela l’ordinanza di custodia cautelare a carico di un pluripregiudicato gelese di 17 anni. Il minorenne, insieme a 3 complici era già stato arrestato a Marina di Ragusa poche settimane fa perchè aveva rubato un scooter in piazza Malta, ma era stato immediatamente bloccato in flagranza dagli uomini della Squadra Volanti e dai poliziotti di quartiere. Accompagnato presso il centro di prima accoglienza per minori di Catania subito dopo l’arresto, il Gip presso il Tribunale per i Minori aveva disposto la misura cautelare presso una comunità di Gela, luogo dove lo stesso avrebbe dovuto cambiare rotta ed iniziare un percorso rieducativo.

Dopo pochi giorni il minore è fuggito dalla comunità facendo perdere le proprie tracce e per questi motivi il Pm richiedeva una immediata cattura ed il suo collocamento in un carcere minorile.Il personale della Squadra Volanti della Questura di Ragusa insieme al personale del Commissariato di Gela, dopo aver monitorato i movimenti della famiglia e del giovane da catturare, hanno fatto ingresso nell’abitazione; scovato il ragazzo lo hanno condotto presso l’Istituto di Pena per Minori di Catania.

Durante le fasi della cattura, non sono state poche le difficoltà incontrate dagli agenti, poiché la famiglia voleva impedire l’esecuzione del provvedimento. La professionalità e la conoscenza del territorio degli uomini della Polizia di Stato ha permesso comunque di eseguire l’ordinanza e di associare il giovane delinquente presso il carcere minorile.