Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 1060
RAGUSA - 15/08/2013
Cronache - Arrestata in Germania la 36enne somala Ayaan Osman Koofi

Una donna a capo della banda dei viaggi della speranza

L’autorità Giudiziaria tedesca sta interagendo con quella italiana al fine di esperire la prevista procedura finalizzata all’estradizione della donna Foto Corrierediragusa.it

Ancora manette nell´operazione anti immigrazione clandestina "Boarding pass". La polizia tedesca, che ha operato in stretta sinergia con la Squadra Mobile di Ragusa, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, ha tratto in arresto Ayaan Osman Koofi (foto), somala di 36 anni raggiunta da Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Catania, su richiesta del Procuratore Capo, Giovanni Salvi e dal Sostituto Procuratore Lucio Setola. Colpiti dalle ordinanze pure altri 48 soggetti tutti facenti parte di una organizzazione criminale transnazionale specializzata nell’immigrazione clandestina.

La donna, sottrattosi alla cattura il 15 gennaio scorso nell’ambito dell’ operazione di Polizia condotta su tutto il territorio nazionale, è stata bloccata in Germania, dove si era stabilita trovando riparo presso un’abitazione di suoi connazionali per eludere i controlli delle Forze dell’Ordine. Nello specifico, l’arrestata, è risultata rivestire una posizione apicale all’interno della consorteria criminale attenzionata, collaborando nell’organizzazione e gestione dei «programmi» di viaggio, e nel reperimento di documenti da falsificare, fornendo supporto logistico ai clandestini. L’autorità Giudiziaria tedesca sta interagendo con quella italiana al fine di esperire la prevista procedura finalizzata all’estradizione di Ayaan Osman Koofi.