Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 552
RAGUSA - 27/07/2013
Cronache - Arrestati Cristian Basile e Davide Scatà, di 23 e 19 anni

Tentano rapina e picchiano donna

La vigilantes purtroppo è rimasta ferita e ne avrà per 15 giorni
Foto CorrierediRagusa.it

Tentano una rapina al centro commerciale «Ipercoop» non facendosi neppure scrupolo di prendere a pugni un vigilantes di sesso femminile, ma gli va male. Due giovani malviventi sono stati arrestati dagli agenti della Sezione volanti della Questura: si tratta di Cristian Basile e Davide Scatà (da sx nella foto), entrambi ragusani di 23 e 19 anni, già noti per rapina. Erano stati i vigilantes a segnalare al 113 dei giovani che avevano appena perpetrato un furto e di trovarsi in difficoltà perché volevano fuggire. Immediatamente intervenivano le Volanti, posizionandosi nella zona delle due porte d’uscita del centro commerciale, al fine di chiudere ogni possibile via di fuga. Gli agenti, scesi dalle auto di servizio, andavano a dar manforte ai vigilantes ed apprendevano che pochi secondi prima, uno dei due giovani aveva sferrato un pugno ad una guardia giurata donna per poi fuggire. Il rapinatore non era al corrente però che un’altra Volante era posizionata all’esterno del centro, quindi non appena i poliziotti si avvedevano che stava scappando, lo inseguivano e bloccavano all’interno di un’autovettura con addosso nascosta la merce poco prima rubata.

I due giovani dovranno rispondere di rapina, poiché hanno usato violenza al fine di fuggire così da ottenere l’impunità dopo aver commesso il furto, gesto gravissimo che gli è costato l’immediata collocazione nel carcere di Ragusa in attesa del processo che verrà celebrato in questi giorni. La vigilantes purtroppo è rimasta ferita e ne avrà per 15 giorni, ma è grazie a lei, che ha dato immediatamente l’allarme al 113, che è stato possibile arrestare i due rapinatori.