Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 959
RAGUSA - 14/07/2013
Cronache - Il nome del medico non è stato reso noto ma l’indagine interna è scattata

Primario "furbetto" denunciato da Aliquò

Digiacomo: ""Cacciamo i mascalzoni che pensano solo ad arricchirsi" Foto Corrierediragusa.it

Liste d´attesa a piacimento di primario e scatta la denuncia in Procura. L´ha presentata il commissario straordinario dell´Asp 7 Angelo Aliquò (foto) nei confronti di un primario del Dipartimento di Chirurgia dell´ospedale "Civile" di Ragusa cui fanno capo Ortopedia, Chirurgia generale, Oculistica, Urologia, Otorinolaringoiatria e Neurochirurgia. Il nome del primario non è stato reso noto ma l´indagine interna è scattata subito dopo la presentazione di un esposto da parte di alcuni pazienti che hanno lamentato come il medico interessato saltasse regolarmente l´ordine delle liste d´attesa preparare dal Cup. Anche la commissione disciplinare dell´Asp si è occupata del caso ed il commissario Aliquò non ha avuto esitazioni nel segnalare il caso alla Procura. Il caso è stato reso noto a Palermo in sede di conferenza stampa su "Luci ed ombre della sanità siciliana" tenuta dal presidente della commissione Sanità, Pippo Digiacomo insieme all´assessore Lucia Borsellino. Il parlamentare comisano ha tuonato: "Cacciamo i mascalzoni che pensano solo ad arricchirsi.

Ci sono operatori sanitari, e sono la stragrande maggioranza, che lavorano in corsia con abnegazione, senza guardare l’orario, a volte arrivando al limite della resistenza. Ma c’è una minoranza di mascalzoni che dobbiamo cacciare: dobbiamo avere il coraggio di fare pulizia nella sanità siciliana. Su episodi come questi in passato si sono chiusi gli occhi oggi invece c´è il coraggio di denunciare come hanno fatto due commissari provinciali a Ragusa e Palermo.Se vogliamo una sanità efficiente e libera da ogni interesse esterno dobbiamo proseguire con lo stesso coraggio. Il lavoro da fare è ancora molto ma questa è la strada giusta».