Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1144
RAGUSA - 29/06/2013
Cronache - L’operazione "Family affairs" della Squadra Mobile nel novembre scorso

Furti in serie a Ragusa: condanne per 12 anni

Sette i "colpi" accertati ed altrettanti quelli falliti tra Marina ed il centro della città

Cinque condanne per i componenti della gang che nel novembre dello scorso anno ha messo a segno una serie di colpi in appartamenti e villette in città ed a Marina. L´operazione, denominata Family affairs, fu portata a termine dalla Squadra Mobile ed i componenti la banda furono arrestati con l´accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di furti. Il Gup, Giovanni Giampiccolo, ha condannato Salvatore Distefano, 49 anni, ragusano, ad un anno di reclusione e 300 euro di multa, tre anni e dieci mesi e 440 euro di multa sono stati comminati al catanese Carmelo Antonio Mirabella, pluri pregiudicato, 41 anni, residente in città, già detenuto e che è stato ammesso ai domiciliari; Leonella Cascone, sua compagna, ,26 anni, ragusana, è stata condannata ad un anno e due mesi e 300 euro di multa; Enrico Scenna, 32, anni palermitano, residente in città, ha avuto tre anni e quattro mesi e 360 euro di multa mentre la sua compagna Daniela D´Iapico, 43 anni, comisana, ha patteggiato un anno e due mesi di reclusione e 300 euro di multa.

Sette i furti contestati alla banda ed altrettanto quelli non andati a segno. Le intercettazioni ambientali hanno consentito agli inquirenti di inchiodare i responsabili alle loro responsabilità ed in particolare quelle intercorse tra Enrico Scenna e Salvatore Distefano che nell´ambito del gruppo svolgeva la funzione di "palo" prima e dopo l´esecuzione dei furti. Uno di questi fu sventato in parte dopo l´improvviso arrivo del proprietario dell´appartamento anche se in quel caso i ladri avevano già trafugato alcuni oggetti in oro. In una incursione in una villetta, delusi per la modesta refurtiva i ladri urinaarono sopra il letto matrimoniale.