Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 934
RAGUSA - 08/06/2013
Cronache - Sotto controllo medici e farmacisti compiacenti dai quali provengono i farmaci sequestrati

Sostanze dopanti in mountain bike

A casa dell’atleta ciclista trovati confezioni di Peptides UK Neorocormon, Eprex, e altro, elencate messe al bando nel decreto del Ministero della Salute
Foto CorrierediRagusa.it

Sport amatoriale inquinato dal doping. La Squadra mobile di Ragusa ha denunciato un ragusano di 44 anni, R.M., atleta del circuito regionale amatoriale delle gare di mountain bike perché nella sua abitazione, nel corso di un’accurata perquisizione, sono stati rinvenuti 9 confezioni integre Peptides UK, soluzione iniettabile in siringa preriempita, 4 confezioni di Neorecormon, 3 confezioni di Eprex, 1 confezione di Aranesp Dorbepoetin, 10 fiale di Epargriseovit, 14 confezioni di Ferlixit, 10 confezioni di Dobetin, oltre a materiale sanitario per flebo e prelievi vari, tutte sostanze dopanti e anabolizzanti elencate nel decreto legge del Ministero della Salute.

L’intervento della Mobile, rientra nel contesto di una mirata attività info – investigativa volta al monitoraggio del fenomeno dell’uso di sostanze dopanti nei circuiti sportivi (palestre, gara ciclistiche, mountain bike, gare podistiche, etc.). Il sequestro, che segue altri interventi specifici, conferma la diffusione anche in provincia di Ragusa l’assunzione di queste illecite e nel contempo pericolosissime sostanze per chi ne fa uso.

La Procura della Repubblica diretta dal procuratore capo Carmelo Petralia sta svolgendo attive indagini al fine di accertare eventuale coinvolgimento di altri soggetti nell’attività illecita in argomento, nonché eventuali medici e/o farmacie compiacenti dalle quali provengono i numerosissimi farmaci sequestrati, sempre in prossimità dell’inizio delle prime gare amatoriali e professionistiche.