Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 878
RAGUSA - 08/06/2013
Cronache - Manette per Antonino Daniele Andrea Scarpulla

Truffatore seriale di telefonini arrestato dalle Volanti

Dall’esame dei documenti sequestrati, gli agenti della Sezione Volanti, tassello dopo tassello, sono riusciti a ricostruire tutti i reati commessi da Scarpulla Foto Corrierediragusa.it

Al termine di una complessa attività investigativa, protrattasi per quasi due mesi, gli uomini della Squadra Volanti della Questura di Ragusa, hanno denunciato il pregiudicato Antonino Daniele Andrea Scarpulla, 40enne catanese, responsabile di numerose truffe commesse in diverse parti della Sicilia, ai danni di rivenditori di telefoni cellulari e liberi professionisti, nonché dei reati di sostituzione di persona e uso di documenti falsi.

Le indagini sono iniziate nel mese di aprile 2013, quando Scarpulla è stato tratto in arresto, poiché aveva tentato di truffare un negoziante di telefonini ubicato a Ragusa, mediante l’utilizzo di una carta di identità valida per l’espatrio falsa. In quell’occasione, furono rinvenuti e sequestrati numerosi documenti falsi.

Dall’esame dei documenti sequestrati, gli agenti della Sezione Volanti, tassello dopo tassello, sono riusciti a ricostruire tutti i reati commessi da Scarpulla.

E’ stato accertato che Scarpulla nel periodo Marzo / Aprile 2013, truffando dei rivenditori di telefoni ubicati a Ragusa, Siracusa, Catania e Palermo è riuscito ad ottenere, senza pagarli, tanti e costosi telefoni cellulari di ultima generazione del valore di 700 euro cadauno.

In particolare Scarpulla, con delle false carte di identità riportanti la sua foto e i dati anagrafici di noti architetti e ingegneri, si presentava presso i negozi di telefoni ubicati nei centri commerciali delle città sopra elencate, al fine di concludere dei contratti di abbonamento che prevedevano la consegna di costosi cellulari e il pagamento rateale con addebito in conto corrente. Scarupulla, utilizzando l’identità di affermati professionisti, riusciva facilmente a concludere i contratti mediante richiesta di addebito nei conti correnti delle vittime. Il tempestivo intervento del personale della Squadra Volanti che ha scoperto la truffa, in quasi tutti i casi, ha impedito l’addebito delle rate, nei conti correnti dei professionisti presi di mira.

Le vittime residenti a Catania, Messina e Milano, quasi tutte ignare riguardo le truffe che stavano subendo, una volta informati dell’accaduto, presentavano denuncia e bloccavano gli addebiti su carta di credito.

Il tempestivo intervento è stato garantito anche grazie alla totale disponibilità ricevuta da parte dei negozianti che, una volta contattati, hanno collaborato con le forze dell’ordine, mettendo a disposizione tutte le informazioni da loro possedute, per risalire all’autore del reato.