Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 632
RAGUSA - 11/04/2008
Cronache - Ragusa - In vista dell’estate si è svolto un incontro tra i comuni

Piromani scatenati: la Provincia
assume le dovute contromisure

Ma intanto bruciano i cassonetti in varie città Foto Corrierediragusa.it

Un’azione sinergica di tutti gli organi, istituzionali e non, per potenziare la prevenzione degli incendi. Una strategia condivisa che permetta di potenziare tutte le attività di prevenzione e gestione degli incendi già attivata.

E’ l’obiettivo che si è posto la Comunità Montana avanzando speciale richiesta all’assessore provinciale al Territorio Ambiente e Protezione Civile Salvo Mallia, che ha indetto una riunione di servizio sulla problematica confrontandosi con la Prefettura di Ragusa, i comuni di Scicli, Ragusa, Chiaramonte, Modica, Giarratana, Monterosso, Vittoria, Ispica, S. Croce Camerina, i Vigili del Fuoco, il Dipartimento di Protezione Civile provinciale e regionale e l’Ispettorato Ripartimentale delle Foreste. Nel corso dell’incontro si è discusso anche del potenziamento delle attività di prevenzione degli incendi e di verificare la disponibilità di uomini e mezzi in previsione dell’arrivo dell’estate.

Alla riunione ha partecipato il prefetto di Ragusa Giovanni Francesco Monteleone che ha sottolineato la validità dell’iniziativa per preservare il territorio dagli incendi.

«E’ grazie alla sinergia tra gli Enti ? afferma Mallia ? che si ottengono risultati importanti, come abbiamo già appurato lo scorso anno, quando si sono verificati pochissimi incendi, tra l’altro subito domati dai Vigili del Fuoco e dalla Forestale».

Durante la riunione è emersa la disponibilità del Dipartimento Regionale della Protezione Civile a fornire il proprio contributo agli organi competenti in materia, attraverso l’impiego delle associazioni di volontariato specializzate nel settore, e ad attivare cinque postazioni, di cui una a Ispica, che risulta un territorio da tenere in considerazione per questa problematica. Tra le proposte avanzate quella dell’assessore Mallia di un utilizzo di un elicottero per l’avvistamento aereo degli incendi.

Al termine della riunione Mallia ha chiesto ai rappresentati dei comuni di verificare con i propri uffici le disponibilità finanziarie per implementare i servizi ed alla Protezione Civile la possibilità di impiego di volontari e mezzi da destinare a tale attività di prevenzione.

«Fermo restando - precisa- che l’azione di spegnimento è compito dei Vigili del Fuoco e della Forestale, verranno presto attivati dei corsi di formazione per personale volontario che acquisito il titolo potrà essere di valido aiuto nello spegnimento degli incendi.»

Intanto i piromani si stanno dando da fare a Scicli e Modica, dove sono stati dati alle fiamme 9 cassonetti in due giorni. Nessuna traccia dei vandali, anche se le forze dell´ordine hanno intensificato i controlli.