Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 66
RAGUSA - 04/05/2013
Cronache - Operazione "Revenge" della Squadra mobile di Ragusa tra Roma e Vittoria coordinata dalla Dda

VIDEO - Minacce: 4 "stiddari" arrestati

Si tratta dei fratelli Giovanni e Gaetano Latino, Marco Giordanella e Innocenzo Di Giovanni Foto Corrierediragusa.it

Avrebbero fatto minacciare di morte la nipote, figlia di un loro fratello, Vincenzo Latino, boss della Stidda di Vittoria detenuto in regime di 41 bis, perché non aveva preso le distanze dal marito che si era pentito, e anche la mamma della donna, moglie del capomafia, che aveva "disonorato" il clan ospitandola a casa sua. E´ l´accusa contestata ai fratelli Giovanni e Gaetano Latino, 50 e 42 anni, arrestati a Roma da agenti delle squadre mobili delle Questure di Ragusa e della Capitale.



Assieme a loro sono stati arrestati anche altri due esponenti della Stidda di Vittoria, Marco Giordanella, 33 anni, e Innocenzo Di Giovanni, 30, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dal Gip di Catania. Al centro dell´inchiesta, coordinata dalla Dda della Procura etnea, c´é la collaborazione con la giustizia di Giuseppe Doilo, genero del boss Vincenzo Latino, 43 anni, reggente del clan mafioso della Stidda di Vittoria, avviata il 23 gennaio del 2012.

Le "rappresaglie" della cosca arrivano subito con l´incendio dell´auto del padre del neopentito. Dopo un anno la moglie di Doilo, e figlia del boss Latino, torna a Vittoria, rinunciando al programma di protezione. La madre, moglie del capomafia, la ospita a casa sua. Due azioni che sono ritenute uno ´sgarro´ alla Stidda che la ´famiglia´ Latino giudica un ´gravissimo affronto´ per il gruppo criminale, che fa partire le rappresaglie con insulti e minacce di morte per le due donne tacciate di essere "infami". Madre e figlia hanno lasciato Vittoria e sono entrate nel programma di protezione.