Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1434
RAGUSA - 30/03/2013
Cronache - Il terzetto aveva colpito in 4 negozi di 2 centri commerciali di Ragusa e Modica

Predatori nei negozi arrestati dalla Polizia

Tre volanti sono intervenute bloccando i ladri prima che riuscissero a far perdere le loro tracce Foto Corrierediragusa.it

Si erano specializzati in furti di capi d’abbigliamento rubando merce del valore di 2mila euro in quattro negozi di due centri commerciali di Ragusa e Modica. I tre giovani romeni finiti in manette, Cristinel Porunsniuc, di 23 anni, Laurentiu Catarau, di 24, e Milorad Catarau, di 22, erano ben organizzati, con tronchesine per rimuovere le placche antitaccheggio dai vestiti e con borsoni schermati e foderati di stagnola che riempivano di altra merce dalla quale non era possibile togliere le placchette ed eludere così i controlli alla cassa.

I tre romeni, residenti ad Augusta, si sono però rivelati ingordi e forse anche un po’ troppo sicuri del loro modus operandi, non accorgendosi che un vigilante del quinto negozio di un centro commerciale di Ragusa aveva seguito le loro mosse, scoprendo che erano ladri. La guardia giurata ha cercato di bloccare il romeno che faceva da palo ma questi si è divincolato, precipitandosi nei camerini dove gli altri due complici avevano già riempito i borsoni di merce rubata.

Mentre i tre romeni raggiungevano di corsa l’auto lasciata nel parcheggio, il vigilante ha chiamato il 113. Tre volanti sono quindi intervenute bloccando i ladri prima che riuscissero a far perdere le loro tracce. Il terzetto aveva rubato 15 vestiti, costosi accessori e abiti femminili allo scopo di rivenderli in proprio o più verosimilmente ad altri commercianti magari ignari che si trattasse di merce rubata. I tre romeni sono stati dunque rinchiusi nel carcere di Ragusa.

Nella foto la refurtiva recuperata dalla sezione volanti