Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:39 - Lettori online 671
RAGUSA - 15/03/2013
Cronache - Non ce l’ha fatta il 42enne, che si trovava ricoverato al centro grandi ustionati di Catania

Muore ustionato il ragusano Zeffiro

L’uomo aveva riportato ustioni di secondo e terzo grado al volto e agli arti Foto Corrierediragusa.it

E´ morto al centro grandi ustionati dell’ospedale «Cannizzaro» di Catania (foto) il 42enne ragusano Salvatore Zeffiro. L´uomo era rimasto vittima di un incidente domestico mentre stava effettuando dei lavori di bricolage nel suo garage annesso all’abitazione di via Silvio Pellico. Pare che Zeffiro fosse stato investito in pieno volto da una fiammata causata dal malfunzionamento di un attrezzo da lavoro (forse una fiamma ossidrica) maneggiato dalla stessa vittima, che aveva riportato ustioni di secondo e terzo grado anche al torace, alle mani e alle braccia.

L´uomo, nonostante il lancinante dolore causato dalle ustioni, era riuscito a rientrare in casa per farsi soccorrere dalla sorella, che aveva chiamato l´ambulanza. La vittima era stata quindi portata al «Civile» per le prime cure. Vista la gravità delle ustioni, i medici ne avevano quindi disposto l’immediato trasferimento in elisoccorso al centro specializzato etneo, dove il 42enne, come accennato, è deceduto per le gravi ustioni.