Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 788
RAGUSA - 23/02/2013
Cronache - Manette della Squadra mobile per il pluripregiudicato 40enne Vito Savarino

Sequestra la ex compagna: arrestato

L’uomo deve rispondere di violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni personali aggravate Foto Corrierediragusa.it

Sequestra in casa la sua ex compagna e abusa di lei, picchiandola e continuando a perseguitarla anche nella casa famiglia di un comune vicino dove la donna aveva invano tentato di far perdere le tracce al suo aguzzino. L’incubo si è dissolto con le manette ai polsi del ragusano pluripregiudicato Vito Savarino (foto), 40 anni. La vita di una 50enne di Ragusa era diventata un inferno perché il persecutore, nella sua visione distorta, la riteneva colpevole di aver voluto troncare la breve relazione sentimentale intercorsa tra i due. La donna, dopo che l’energumeno l’aveva resa prigioniera nel suo stesso appartamento, usandole violenza, era stata costretta a cambiare casa per tutelare non solo la propria incolumità, ma anche e soprattutto quella del figlio maggiorenne, che Savarino non esitava a perseguitare a sua volta, appostandosi più volte nel luogo di lavoro e seguendolo per convincere la madre a riallacciare la relazione.

La donna, che era riuscita per qualche tempo a sottrarsi alle attenzioni morbose dello stalker trovando rifugio in una comunità fuori Ragusa, continuava a ricevere una enorme quantità di telefonate e sms da Savarino, che, alla fine, riuscì addirittura a rintracciarla e a portarsela via con la forza, ricominciando con le violenze e le persecuzioni anche ai danni del figlio della donna, giusto per risultare ancora più convincente. Alla fine la 50enne ha trovato il coraggio di denunciare tutto alla Squadra mobile, che, dopo le indagini, ha arrestato lo stalker. Vito Savarino deve rispondere di violenza sessuale, sequestro di persona e lesioni personali aggravate.