Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 636
RAGUSA - 18/02/2013
Cronache - Operazione "Notebook 2" della Squadra Mobile: arrestato Francesco De Vincentiis

Truffava anziani "vendendo" computer

L’arresto è stato possibile anche grazie alla collaborazione dei poliziotti di San Carlo Arena di Napoli, zona dove De Vincentiis si era stabilito dopo le truffe compiute a Ragusa nel 2011
Foto CorrierediRagusa.it

C’era anche un ultranovantenne tra le tre anziane vittime di un truffatore napoletano in trasferta a Ragusa per organizzare delle finte vendite porta a porta di computer, rifilando invece una confezione ben imballata ma con all’interno, nella migliore delle ipotesi, solo una vecchia tastiera. Non si faceva troppi scrupoli il 49enne Francesco De Vincentiis (foto), che, facendo leva sulla buona fede delle vittime in età, e presentandosi con i suoi modi distinti, solo all’apparenza perbene, aveva indotto due pensionati di 93 e 87 anni e una donna di 76 a prelevare dal conto corrente 5mila euro ciascuno, propinando un personal computer di ultima generazione. Per rendere più credibile la farsa, il truffatore finito in manette si serviva di un complice, ancora latitante, che, al telefono, si spacciava per un parente della persona da truffare.

De Vincentiis difatti fingeva di comporre il numero di telefono dettato dalla vittima designata per farsi rassicurare sull’acquisto da un familiare, ma a rispondere era invece il compare del napoletano. Le tre vittime non avevano denunciato subito i fatti per la vergogna. La polizia si rivolge quindi agli istituti di credito affinché non eroghino subito il contante agli anziani, attendendo l’arrivo di parenti per scoraggiare l’azione dei truffatori. Francesco De Vincentis è stato arrestato a Napoli, dove aveva fatto rientro dopo le truffe commesse nella provincia iblea.