Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 459
RAGUSA - 07/02/2013
Cronache - Manette per Emanuele Votadoro e Daniela Giusi Guarino. Le immagini con i 2 in azione

VIDEO - "Trappola" bancomat a Ragusa: 2 arresti

Nella casa di Comiso dove vivevano l’uomo e la donna incensurata, sono stati trovati dai poliziotti altri kit per la truffa
Foto CorrierediRagusa.it

Una insospettabile coppia di fidanzati aveva appreso ed importato dal Nord Europa l’illegale tecnica del «Cash trapping», la trappola del contante, che già conta 2mila 700 denunce di altrettante vittime tra Inghilterra e Francia in un anno. Emanuele Votadoro e Daniela Giusi Guarino, di 41 e 37 anni, sono stati arrestati in flagranza dalla polizia.



I due stavano ritirando 350 euro in contanti dal bancomat della filiale di via Risorgimento della Banca Agricola Popolare di Ragusa soffiati una ventina di minuti prima ad un cliente che aveva usato il bancomat e che, insospettito per non aver potuto ritirare il contante, si era rivolto alle volanti.

Così i poliziotti si erano appostati mentre la coppia si recava al bancomat per togliere, con mossa fulminea, la bacchetta d’alluminio che avevano posizionato con del nastro biadesivo e del mastice nella fessura dalla quale escono le banconote, ostruendola e causando l’anomalia al sistema della macchina, che, pur restituendo al cliente la tessera bancomat, non rilasciava il contante, che restava bloccato dalla bacchetta poi rimossa dalla coppia.

Nella casa di Comiso dove vivevano l’uomo e la donna incensurata, sono stati trovati dai poliziotti altri kit per la truffa del «Cash trapping» dalla quale a Ragusa erano scaturite sei denunce. Il dirigente della sezione volanti Antonino Ciavola invita i cittadini a stare attenti e a segnalare eventuali situazioni sospette al 113. Solo grazie alla sinergia cittadino - polizia, come in questo caso, è possibile acciuffare subito i malviventi, anche in flagranza.